Sesso non protetto e abuso di alcolici nel weekend: la Fondazione Pro lancia l’allarme sui giovani napoletani

Indagine effettuata da Fondazione Pro su mille ragazzi di età compresa tra i 16 e i 19 anni. Il 65% non parla di sesso con i genitori.

Molto alcol, soprattutto durante il weekend, e rapporti sessuali non protetti. Sarebbe questa la fotografia dei giovani napoletani scattata grazie a un sondaggio effettuato da Fondazione Pro a mille ragazzi di età compresa tra i 16 e i 19 anni e i cui risultati sono stati diffusi oggi.

Secondo questa indagine il 65% dei giovani non ha mai parlato di sessualità con il proprio padre o madre, 8 su 10 ammettono di guardare regolarmente siti pornografici e uno su quattro dice di avere rapporti sessuali non protetti.


“I numeri ci dicono che una ragazza su tre e uno su due assumono regolarmente superalcolici nel weekend – spiega Vicenzo Mirone, ordinario di Urologia dell’Università Federico II di Napoli e presidente di Fondazione Pro – , la metà degli adolescenti passa su internet più di 5 ore al giorno Dad esclusa, il 25% delle giovani e il 18% dei loro amici fumano abitualmente, il 25% dei maschi e il 10% delle femmine ha fatto uso di droghe leggere, una su due e uno su tre non praticano alcun tipo di sport. Una generazione inoltre lontanissima dalla copertura contro l’Hpv: a essersi vaccinati sono meno della metà delle adolescenti contro il 12% dei loro coetanei. Partiamo dai primi dati epidemiologici presentati oggi alla Fondazione Banco di Napoli per capire come invertire la rotta, parlando con i ragazzi e fornendo loro gli strumenti necessari per vivere una vita sana e piena”

Total
6
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Taglio alla soglia ISEE per l'esenzione dalle tasse universitarie: a Perugia duemila studenti "a rischio abbandono"

Next Article

"Così non ordinerete 'ndrangheta per dolce", la pubblicità dell'università belga che offende gli italiani

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".