Taglio alla soglia ISEE per l’esenzione dalle tasse universitarie: a Perugia duemila studenti “a rischio abbandono”

La denuncia dell’UDU: “Ateneo e Regione non possono garantire il rinnovo della misura adotatta per l’anno accademico in corso”

Possibile stangata sulle tasse per gli studenti dell’Università di Perugia. A lanciare l’allarme è l’Udu che è preoccupata per l’impossibilità di ateneo e Regione Umbria di non riuscire a stanzare le risorse necessarie per garantire l’esenzione delle tasse universitarie agli studenti con ISEE fino a 30.000 euro.

La misura, realizzata per l’anno accademico 2020/2021 con uno stanziamento di fondi da parte della Regione Umbria, permette di integrare l’attuale “no-tax area”, fissata alla soglia ISEE di 20.000 euro, consentendo ad oltre 2.200 studenti in difficili condizioni economiche di accedere gratuitamente all’università.

“Già in quella occasione – spiega l’UDU – abbiamo affermato in modo forte come questa misura dovesse essere stabilizzata e i danni che si sarebbero verificati se si fosse trattato di una misura straordinaria una tantum. Preoccupazioni che, adesso, rischiano di diventare realtà”.

L’Unipg grazie a questa misura ha visto aumentare le iscrizioni in modo significativo nell’anno accademico 2020/2021, iscrizioni di studentesse e studenti incentivati da questa esenzione totale delle tasse universitarie rivolta a una platea molto più ampia rispetto alla stragrande maggioranza degli atenei italiani.

Oltre duemila studenti e studentesse hanno intravisto in questa misura l’opportunità di iniziare o proseguire un percorso universitario che altrimenti non avrebbero potuto scegliere di percorrere. “Adesso, se la ‘no-tax area’ non venisse riconfermata – dichiara Angela De Nicola, Senatrice accademica e Coordinatrice dell’Udu Perugia – l’impossibilità di proseguire questo percorso diventa concreta. Migliaia di studenti si troveranno a dover sostenere delle tasse che non erano previste quando si sono iscritti e saranno in tanti a decidere di abbandonare gli studi”.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Finlandia è il paese più felice al mondo. Ma lì nessuno ci crede veramente

Next Article

Sesso non protetto e abuso di alcolici nel weekend: la Fondazione Pro lancia l'allarme sui giovani napoletani

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.