Sesso e poker, i passatempi causa di bocciatura

Schermata 2013-01-30 a 15.39.23

Il sesso e il poker sono i passatempi virtuali più pericolosi per la carriera scolastica.
Ad affermarlo è una ricerca pubblicata dal “Sole 24 Ore” sulla rubrica “Salute24”.

Gli studenti che usano il web per giocare a poker hanno una possibilità superiore al 50% di essere bocciati.
Se in più dedica le sue ore a cercare sesso, è praticamente destinato alla bocciatura.

Le statistiche sono allarmanti: rischia di non essere ammesso all’anno scolastico successivo ben il 60,8% degli studenti italiani delle scuole medie superiori che si servono di internet per cercare sesso.

Stessa sorte per quei ragazzi che giocano a poker online e per il 39,5% di coloro che giocano ai video giochi.
Per chi abbina il sesso al poker, la probabilità è pari al 100%.

Non è uno scherzo: è uno studio dell’Esc Team, il primo centro ultraspecialistico sulle dipendenze dal web in Italia.

La ricerca è stata condotta attraverso delle interviste rivolte a ben 2.396 studenti che hanno tra i 13 e i 19 anni.

Il rapporto tra la tendenza a cercare immagini pornografiche e giochi d’azzardo sul web e il rendimento scolastico sembra parlare chiaro.
Gli esperti dell’Esc Team hanno poi fatto altre interessanti scoperte.

Le ‘web addiction’ stanno moltiplicandosi sempre di più.

Il 56,2% degli adolescenti italiani, infatti, si connettono almeno una volta all’ora. Il 54% rimane connesso per almeno 3 ore al giorno e il 66,5% non chiude internet nemmeno durante le ore in cui studia.

Tuttavia, un uso sano di internet non sembrerebbe compromettere la possibilità di avere un buon rendimento. Infatti, il 53,8% degli studenti che si collega almeno una volta all’ora  il 51,4% di coloro che si collegano per più di tre ore al giorno, non hanno debiti scolastici.

Lo psichiatra dell’Esc Team, Paolo Antonio Giovannelli, ha detto: “a preoccupare non è la frequenza o la durata della connessione, ma le attività svolte online dai ragazzi”.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Hashish e marijuana a scuola, presi due studenti

Next Article

Efficienza degli Atenei: arriva il "bollino di qualità"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident