Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all’interno dell’istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.

Una professoressa di 50 anni è a processo a Firenze per abusi sessuali su un suo studente disabile minorenne. Si tratta una docente di sostegno, imputata di violenza sessuale su minore con l’aggravante della disabilità dello studente e della minorità psicologica rispetto all’adulta.

La vicenda è stata riportata per la prima volta oggi dal quotidiano La Nazione e risale al 5 novembre 2019. Il giovane, 17enne all’epoca, ha raccontato dell’abuso in un incidente probatorio dove ha confermato quanto già detto a conoscenti e familiari, affermazioni da cui scaturì un’inchiesta del pm Alessandro Piscitelli, con indagini dei carabinieri, a seguito di una denuncia-querela della famiglia.

L’abuso sarebbe avvenuto in una scuola superiore nell’hinterland di Firenze a seguito di un approccio avviato dall’insegnante, la quale al termine del rapporto sessuale avrebbe detto allo studente di non raccontare niente a nessuno e mantenere il segreto. Il giovane ha ricostruito la vicenda, anche con una certa sofferenza, in un incidente probatorio davanti al gip Federico Zampaoli, che alla luce di questo e altri riscontri ha disposto il rinvio a giudizio della donna.

LEGGI ANCHE:

Total
3
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli studenti rispondono a Bianchi: "Vergogna, bugiardo"

Next Article

Test di ingresso, come funziona il numero chiuso e cosa cambia dal prossimo anno

Related Posts
Leggi di più

Comincia l’autunno caldo: studenti sabato di nuovo in piazza

Sabato 8 ottobre a Roma scenderanno in piazza anche l'Unione degli Universitari e la Rete degli Studenti Medi alla manifestazione indetta dalla Cgil. Diritto allo studio scolastico e universitario, politiche ambientaliste immediate, lavoro stabile e retribuito le richiesta al nuovo governo.