Scuola, si rientra tra le polemiche. Gli studenti: "Troppe minacce dopo le occupazioni"

LATINA - L'ULTIMA OCCUPAZIONE
A seguito dell’ondata di occupazioni che in tutto l’autunno ha invaso le scuole del Paese contro la Buona Scuola, e nonostante l’apertura del sottosegretario Faraone e del premier Renzi, sono tantissime le ritorsioni subite dagli studenti, sia a scuola che a livello penale. I casi più gravi al Sud: in Puglia e Campania. Ecco le parole degli studenti italiani in una nota inviata alla redazione de Il Corriere dell’Università
 
“Oggi tutti gli studenti tornano a scuola, ma molti di loro lo fanno con la consapevolezza di perdere alcuni dei loro diritti.” – afferma Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti – “Sono un numero senza precedenti, infatti, le segnalazioni che ci sono arrivate da tutta Italia riguardo a minacce e ritorsioni subite a seguito delle occupazioni autunnali, soprattutto al Sud: gite cancellate, voti di condotta abbassati, rischio bocciatura, medie scolastiche abbassate, sospensioni, cancellazione delle assemblee di istituto e di classe o delle attività extrascolastiche.”
“E’ il primo anno nel quale ci arriva un numero tanto elevato di segnalazioni.” – continua l’Unione Degli Studenti – “Questo dimostra una incoerenza di fondo nelle parole di apertura del Sottosegretario Faraone e del Premier Renzi, che sembrano guardare alle occupazioni come legittima forma di partecipazione e contestazione, smentite nei fatti da quanto stanno subendo gli studenti in questi giorni”.
L’Unione degli Studenti ha aperto uno sportello SOS per rispondere a tutte le segnalazioni e supportare gli studenti che hanno occupato o autogestito le scuole. Gli studenti ed i rappresentanti potranno contattarci attraverso la nostra pagina facebook fb.com/uds.studenti.” – conclude l’UdS – “E non solo. Non intendiamo solo difendere i nostri diritti, ma contro-attaccare sulle proposte, presentando l’idea alternativa di scuola degli studenti e continuando a pretendere scuola dopo scuola nuovi spazi di democrazia reale e partecipazione. Lo spirito critico delle occupazioni continuerà a vivere nelle nostre scuole anche durante questa primavera”.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istat, disoccupazione giovanile al 43,9 %: mai così alta dal 1977

Next Article

Lombardia, la rabbia degli studenti: "No a quel convegno omofobo"

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.