Istat, disoccupazione giovanile al 43,9 %: mai così alta dal 1977

disoccupazionegiovani-unicitta-it
Le stime Istat parlano chiaro: la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 43,9 % nella rilevazione di Novembre, in rialzo di ben 6 punti percentuali rispetto ad ottobre. Si tratta del valore più alto mai registrato dall’inizio delle serie mensili (2004) e trimestrali (1977). Si contano così 48 mila occupati in meno in un solo mese, con il secondo ribasso consecutivo.
Sono ben 729mila gli under 25 in cerca di un impiego, sul dato complessivo di 3 milioni e 457mila giovani senza lavoro. Il tasso di disoccupazione generale registrato dall’Istat si ferma, invece, al 13,4 %.
Secondo calo consecutivo del numero di occupati, quindi: a novembre si sono persi 48mila posti di lavoro, rispetto al mese di ottobre. Peggio di noi, nella zone europea, solo la Spagna, con un tasso di disoccupazione che tocca il 24 %.
In calo, invece, il numero delle persone inattive: 12mila in meno rispetto a ottobre, e 312mila in meno nel confronto tendenziale. “Il continuo varo di riforme e l’effetto annunci non fa altro che disorientare le aziende” – sottolineano gli esperti, che hanno al contrario bisogno di regole chiare e certe.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il super-insegnante scrive a Renzi: "Ridare credibilità ai professori italiani"

Next Article

Scuola, si rientra tra le polemiche. Gli studenti: "Troppe minacce dopo le occupazioni"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.