Lombardia, la rabbia degli studenti: "No a quel convegno omofobo"

l43-maroni-110927174910_medium
“E’ “vergognoso il convegno omofobo sostenuto dalla regione Lombardia”, “insieme delle associazioni di studenti delle scuole superiori attive in ogni città”: ecco il durissimo commento della Rete degli Studenti Medi in Lombardia, in merito al convegno patrocinato dall’Expo previsto per il 17 gennaio.
“La Regione Lombardia e l’Expo stanno sostenendo un’iniziativa pro famiglia naturale per il 17 Gennaio, organizzata da Obiettivo Chaire e Alleanza Cristiana, a cui parteciperanno svariati personaggi della politica, primo tra tutti il Governatore Maroni”, si legge in una nota. “Ancora una volta la Lega Nord, attraverso le istituzioni in cui siede, si fa portavoce di una cultura omofoba e di discriminazione. Questo fatto non stupisce: il Partito di Salvini continua ad essere un contenuto di ideologie malsane e populiste, che non fanno altro che alimentare un conflitto tra i cittadini. Non accettiamo che un partito politico si permetta di sostenere che ‘i gay vanno curati’.
“Oltretutto è scandaloso che l’Expo decida di patrocinare il convegno, non curandosi delle tematiche che vengono propinate attraverso di esso – continuano gli studenti. L’Expo non dovrebbe inserirsi in queste questioni, soprattutto se si tratta di iniziative chiaramente discriminatorie. La cieca difesa della famiglia naturale è una battaglia sbagliata, che incita all’odio e che spesso porta ad atti violenti verso chi si crede stia minando l’integrità della cosiddetta famiglia tradizionale. Inoltre, non e’ accettabile che ancora oggi qualcuno possa sostenere che le persone omosessuali hanno bisogno di cure: chi ancora crede a queste teorie e sostiene queste idee, procura un danno alla nostra società e non contribuisce in alcun senso al suo progresso. Condanniamo fortemente questa iniziativa e auspichiamo che fatti come questo non avvengano più, che si smetta di parlare dell’omosessualità in questi termini, ma si inizi finalmente a scardinare un robusto tabù: la famiglia naturale non e’ semplicemente quella composta da un uomo e una donna, ma quella fatta da una coppia che si ama, a prescindere dal sesso e dall’orientamento sessuale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, si rientra tra le polemiche. Gli studenti: "Troppe minacce dopo le occupazioni"

Next Article

Al Miur l’insediamento dell’Osservatorio per l’edilizia scolastica. Faraone: "Da governo segnali reali di attenzione"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.