Scuola, l'Invalsi fa boom al primo giorno: alla prova 4 mila studenti in più

Invalsi da record, ieri, con un debutto in grande stile per il primo giorno di prove: il test ha infatti raccolto una maxi adesione da parte dei ragazzi delle classi dell’ultimo anno. La prova può essere svolta nell’intero mese di marzo ma molti hanno pensato di farla ieri, nel primo giorno disponibile.
Si tratta del test che, da quest’anno, è obbligatorio per avere l’ammissione alla maturità: chi non lo fa, quindi, non potrà accedere all’esame di Stato.
I test Invalsi sono 4 e si occupano di italiano, matematica e inglese, sia reading sia listening: ogni studente deve sottoporsi a ciascuna di queste prove, rigorosamente al computer. Riguardano una platea di 476.867 ragazzi, suddivisi nelle 26.148 classi quinte delle scuole superiori. Ieri sono state già 25.158 le prove sostenute, ben 4 mila più dello scorso anno. Un dato decisamente alto anche perché in questo periodo sono tante le scuole chiuse, soprattutto nelle regioni del Nord, ma per loro ci sarà tempo per recuperare: «L’avvio delle prove spiegano infatti dall’Invalsi – quest’anno ha coinciso in alcune regioni italiane con la sospensione delle attività didattiche causata dalla situazione sanitaria in continua evoluzione. Pertanto, appena possibile, saranno fornite tutte le informazioni necessarie per l’eventuale riorganizzazione delle finestre di somministrazione di ciascuna scuola, al fine di consentire lo svolgimento delle prove nella massima serenità». L’adesione aumenterà quindi nei prossimi giorni e probabilmente non è legata all’obbligatorietà della prova anche perché, secondo un sondaggio svolto da Skuola.net su 4mila ragazzi dell’ultimo anno, ben due studenti su 5 non sanno che si tratta di un requisito per l’esame.
Aumenta però la capacità delle scuole nell’organizzare al meglio le giornate di prove: negli anni passati, infatti, l’uso del pc ha creato non pochi problemi. Quest’anno invece il 35% dei ragazzi assicura che la sua scuola ha computer a sufficienza per far sostenere le prove Invalsi tutti assieme, per il 27% sarà necessario dividersi in turni a causa del numero ridotto di pc mentre il 4% dovrà trasferirsi in un’altra struttura.
leggo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, richieste di presenza a scuola di docenti in assenza di lezioni e riunioni come recupero ore non lavorate

Next Article

Caos Coronavirus: a scuola senza certificato dopo 5 giorni, rispediti a casa

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.