Scuola, “Educazione è salute”: il Manifesto dei principi e dei diritti dei bambini in ospedale

Il Ministero dell’Istruzione, l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza e l’Associazione ospedali pediatrici italiani promuovono il Manifesto dei principi e dei diritti dei bambini in ospedale, dall’evocativo titolo “Educazione è salute”.

Un documento base per avviare una duratura collaborazione finalizzata a curare la governance degli interventi mirati a tutelare i diritti dei bambini in ospedale, a partire dal diritto all’educazione e all’istruzione. Prevista anche la possibilità di intraprendere collaborazioni, istituzionali e non, nel rispetto del principio del best interest of the child.

Tra i valori richiamati, quello alla responsabilità e all’empatia, per cogliere gli stati d’animo dei bambini e dei ragazzi, quale parte integrante del processo di cura. Tra i principi fondamentali, quello all’uguaglianza, per garantire a tutti i bambini pari opportunità, e quello all’educazione, come strumento per non interrompere, anzi promuovere, i processi educativi diretti a sviluppare le potenzialità dei bambini e dei ragazzi ricoverati.

Alla base del Manifesto, i protocolli siglati tra le parti e richiamati nel testo e tre documenti: la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, la Carta dei diritti del bambino in ospedale, le Linee di indirizzo nazionali sulla scuola in ospedale e l’istruzione domiciliare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La protesta dei presidi: “Con queste regole la scuola non riapre"

Next Article

Scuola, Ministero: su istruzione fatti sforzi importanti. In incontro con sindacati presentate soluzioni e offerto percorso di lavoro congiunto

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.