Scuola di Restauro in Accademia

La Scuola di Restauro dell’Accademia di Belle Arti di Napoli riceve ufficialmente il parere di conformità della Commissione Tecnica MIBAC-MIUR

La Scuola di Restauro dell’Accademia di Belle Arti di Napoli riceve ufficialmente il parere di conformità della Commissione Tecnica MIBAC-MIUR in ordine all’istituzione e all’attivazione dei corsi di formazione dei restauratori abilitati alla professione.

Da quest’anno accademico quindi è attivo il Diploma Accademico di secondo livello in Restauro abilitante alla professione di Restauratore di Beni Culturali. “Una grande vittoria per le Accademie, un riconoscimento che conferisce prestigio e sancisce il grande valore delle nostre istituzioni nel campo della conservazione dell’arte” il commento orgoglioso del direttore Giovanna Cassese (in foto).

Una storia lunga -per la verità- quella che unisce il restauro e l’Accademia partenopea che, con l’accreditamento conferito, è ad oggi una delle poche istituzioni nazionali (con Firenze e Roma) ad offrire un percorso formativo di alto livello teorico e pratico e condurre gli allievi fino all’esame finale abilitante alla professione di restauratore di beni culturali.
Sin dall’a.a. 1999/2000, l’Accademia ha attivato corsi sperimentali sul restauro con un triennio e un biennio specialistico con un alto livello di specializzazione dei docenti restauratori, il rapporto di 1 a 5 tra docenti e studenti, il 60% di attività laboratoriali che, per legge, non devono essere simulazioni di restauro ma effettuate su un patrimonio vero e su questo, l’Accademia di Napoli vanta una grande ricchezza con la sua Galleria e Gipsoteca.
Gli allievi di Napoli hanno restaurato tra le tante opere, il monumentale gesso della Crocefissione di Augusto Perez, i calchi del fregio del Partenone allestiti presso l’Aula Magna dell’Istituto e le loro attività di restauro varcano anche i confini di via Costantinopoli, in ultimo sono impegnati nella manutenzione ordinaria della collezione farnesiana allestita presso il Museo Archeologico di Napoli.

Il nuovo corso, a numero chiuso per 10 allievi e caratterizzato da una didattica laboratoriale con oltre duemila ore di discipline tecniche, prevede tre percorsi formativi:
– percorso formativo professionalizzante in materiali lapidei e derivati e superfici decorate dell’architettura;
– percorso formativo professionalizzante per manufatti dipinti su supporto ligneo e tessile, manufatti scolpiti in legni, arredi e strutture lignee, manufatti in materiali sintetici lavorati, assemblati e/o dipinti
– percorso formativo professionalizzante in materiali e manufatti ceramici, vitrei, organici; materiali e manufatti in metallo e leghe.

i.b.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mercato del lavoro e riforme, il convegno a Benevento

Next Article

Il bello della cultura per combattere la mafia

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".