“Scrivere il futuro” Master in Drammaturgia e Sceneggiatura

L’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” presenta, per l’anno accademico 2012/2013, il Master di primo livello in Drammaturgia e Sceneggiatura, istituito dal Ministero dell’Istruzione. Pensato per essere seguito anche da chi lavora – ha una durata annuale che si concentra principalmente nel fine settimana (dal giovedì al sabato) – il corso rilascia un Diploma Accademico di Master di I Livello, con relativo riconoscimento di 60 Crediti Formativi.

Nel 1936 Silvio D’Amico ha fondato l’Accademia per riformare il teatro italiano creando una figura nuova, quella del regista, attorno al quale costruire uno spettacolo diverso. Da allora fino ad oggi l’Accademia non ha dimenticato la vocazione di scuola che, nel formare le nuove generazioni di attori e registi, pensa, progetta e realizza la scena del futuro. In quest’ottica, nell’ultimo triennio, sono stati attivati laboratori con maestri della scena europea come Luca Ronconi, Peter Stein, Eimuntas Nekrosius, Emma Dante, Carlo Cecchi, Antonio Cirillo, Valerio Binasco, Antonio Latella, ma anche corsi di recitazione e regia cinematografica con Michele Placido, Cinzia TH Torrini e Sergio Rubini. Questi laboratori hanno prodotto corti e medio metraggi presentati in rassegne internazionali come il Roma Fiction Fest (nel 2011) e le “Giornate degli Autori – Venice Days”, alla Mostra Internazionale dell’Arte Cinematografica di Venezia (nel 2012), e soprattutto hanno avviato una riflessione sull’attrazione, fino alla contaminazione, che i linguaggi cinematografici e dei nuovi media esercitano sulla scena. Su un altro versante il teatro più vitale oggi ha posto al centro una nuova drammaturgia, una scrittura attenta al presente, in grado di dare voce ad aspirazioni e urgenze giovanili. E’ in questo campo fertile che il Master vede la nascita.

Il master vede la partecipazione di autori e maestri come Andrea Camilleri, Roberto Cavosi, Ugo Chiti, Ivan Cotroneo, Caterina D’Amico, Steve Della Casa, Peter Exacoustos, Daniela Bortignoni, Edoardo Erba, Giorgio Gosetti, Giovanni Minoli, Enzo Moscato, Giuseppe Piccioni, Andrea Purgatori, Giuseppe Rocca, Sergio Rubini e Lorenzo Salveti. Sotto la supervisione di professionisti del settore, gli allievi del Master creeranno testi da analizzare, riscrivere e rimontare, verificheranno e indirizzeranno abilità espressive e tecniche di scrittura. Si alleneranno a conservare la tensione, gestire la comicità, far emergere il non-detto, definire il personaggio, costruire un’atmosfera… Insomma impareranno la pratica della scrittura.

L’Accademia offre una possibilità di formazione che vuole essere sempre più professione e lo fa, com’è nella sua tradizione, pensando al futuro. Ha trovato solo un modo nuovo: scriverlo.

Per informazioni: www.mastersceneggiatura.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La calcolatrice? I più piccoli la accendono con il kiwi

Next Article

LA DIRETTA. Guerriglia a Napoli alla manifestazione contro il ministro Fornero

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.