Scoperto in Italia il primo kiwi giallo

packshot 2 halfjes

Un kiwi giallo? Da oggi, esiste. Il suo nome scientifico è Ac 1536.

L’idea è stata realizzata dall’Università di Bologna, in collaborazione con l’Università di Udine. Gli inventori sono Guglielmo Costa, del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna, Guido Cipriani e Raffaele Testolin, del Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali dell’Università di Udine.

Presto, il frutto dalla polpa gialla arriverà sulle nostre case. Nel mese di settembre, potrà essere raccolto nelle aree produttive dell’emisfero nord, mentre nell’emisfero sud sarà maturo tra febbraio e marzo.

La caratteristica di questo kiwi non è solo il colore giallo evidenziatore della sua polpa. Ha infatti qualità organolettiche speciali, che riguardano le sue dimensioni (100 grammi), la sua resa produttiva e la conservabilità (più elevata rispetto ai normali kiwi).

Dopo anni di ricerca, i due atenei hanno potuto brevettare a livello europeo il loro kiwi giallo.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alitalia, 571 euro per tornare a votare

Next Article

Ill manager più pagato di Germania si riduce lo stipendio

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".