Scienziati vicini a scoprire il gene della pigrizia

Schermata 2013-04-12 a 14.05.47

Scienziati più vicini ad individuare il ”gene della pigrizia” dopo aver dato alla luce famiglie di topolini pigrissimi e famiglie di topolini ‘iperattivi’, accoppiando tra loro topolini pigri e, sempre tra loro, topolini attivi. Studiando il Dna dei topi della decima generazione, esperti dell’università’ del Missouri hanno isolato 36 geni potenzialmente legati a pigrizia e inclinazione al movimento. Pubblicato su The American Journal of Physiology, lo studio è stato coordinato da Frank Booth.

Se partiamo dal ragionevole assunto che i topolini non hanno a cuore ne’ la forma fisica ne’ la salute, va da se’ che se questi animali si mostrano interessati a passare ore sulla ruota a fare esercizio è solo per loro inclinazione innata, ovvero perchè glielo ”comanda” il proprio Dna. Analogamente topolini pigri e meno attivi nelle gabbiette sono così di natura.

Di qui l’idea degli scienziati Usa di accoppiare tra loro topolini molto attivi, e parallelamente tra loro, topolini pigri, (accoppiamenti di questo tipo sono usati molto in zootecnia per rinforzare caratteri di interesse, come quando si accoppiano animali della stessa razza per ottenere ”purosangue”). Dopo 10 generazioni i ricercatori hanno ottenuto due famiglie di topi: la prima di super-pigri che non avevano la benchè minima voglia di ‘sudare’ sulla ruota; la seconda di topi sportivi che correvano dieci volte di più dei propri progenitori. Anche a livello fisico i topolini erano diversi: gli sportivi avevano nei muscoli dei mitocondri (i ‘benzinai’ delle cellule) più efficienti. Andando a confrontare il loro Dna sono emersi 36 geni potenzialmente legati a tali differenze. Una volta identificati i geni alla base della pigrizia, secondo gli esperti, si potrà capire come motivare meglio le persone a fare sport.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Uno studio dimostra: il reggiseno alle donne non serve

Next Article

Chiasso, pensionata tedesca e prof universitario scoperti con 96mila euro in contanti

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.