Sciame sismico nel Sannio: scuole e università evacuate, via alle verifiche

Continua lo sciame sismico tra Sannio e Irpinia, altre scosse sono state registrare dai sismografi dell’Ingv a San Leucio del Sannio, dopo le due di stamattina.
Scattato immediatamente il piano di evacuazione in molte scuole e negli uffici del tribunale, dove sono state sospese le udienze appena iniziate. Molta gente si è riversata in strada a Ceppaloni e a San Lucio Del Sannio, dove il terremoto si sta facendo sentire ormai da alcune settimane.
Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, d’intesa con la Prefettura e la Protezione Civile, ha disposto l’immediata chiusura di scuole ed edifici pubblici a eccezione dei servizi e delle strutture emergenziali necessarie per la gestione degli interventi. Sospese in via precauzionale anche tutte le attività didattiche e amministrative dell’Università del Sannio. Scuole chiuse oggi e domani anche ad Altavilla Irpina.
Alle 10:15 è prevista la riunione del Centro Operativo Comunale presso il Comando della Polizia Municipale. Altri sindaci stanno organizzando con la Prefettura i primi interventi di ricognizione. Subissati di richieste i Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Benevento, ma per ora non si registrano danni o situazioni di emergenza.
Le scosse sono state avvertite distintamente anche in provincia di Avellino, nel capoluogo e nei comuni al confine con il Sannio.
irpinianews

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il piccolo genio belga lascia l'Università: cosa significa essere plusdotati?

Next Article

Alla scoperta dei segreti della Sla: 6 nuovi progetti per la ricerca sulla malattia

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".