Sapienza, dottorato honoris causa alla Montalcini

La senatrice ha ricevuto l’onorificenza dalla McGill University di Montreal (Canada). La cerimonia si è svolta presso la sala del Senato accademico della Sapienza

httpv://www.youtube.com/watch?v=czDMnqVA7L8

La senatrice ha ricevuto l’onorificenza dalla McGill University di Montreal (Canada). La cerimonia si è svolta presso la sala del Senato accademico della Sapienza

Roma, Sapienza. “Rita Levi Montalcini è una scienziata che nella vita ha rappresentato e riflesso l’idea di Università”. Con queste motivazioni la McGill University di Montreal (Canada) ha conferito il dottorato honoris causa in Scienze al premio Nobel. La Montalcini aggiunge così al suo curriculum, già ricco di premi ed onorificenze, un nuovo riconoscimento internazionale.

“Sono profondamente commossa – ha sottolineato la senatrice – del grande onore che mi è stato conferito. Ringrazio i  magnifici rettori e ringrazio i presenti, uno di questi mio amico di infanzia. Ripeto a me stessa che è un grande onore ricevere questo riconoscimento ad un’età non più tanto giovane, 102 anni tra qualche mese”.

“Rita – ha dichiarato Frati nel saluto di apertura – è un monumento. Non c’è nessuno che non ne abbia tratto vantaggio dal suo ritorno in Italia”. E alla domanda  del rettore sul segreto della sua longevità la senatrice risponde così: “ E’ frutto del mio gusto per il lavoro, della mia scelta di vita, quando fin da piccola ho deciso di diventare, non moglie, non madre, ma qualcosa di più”.

Anna Di Russo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Benghazi-Tripoli: coprifuoco digitale contro i blogger

Next Article

I dipinti della Sala degli Angeli

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".