Benghazi-Tripoli: coprifuoco digitale contro i blogger

httpv://www.youtube.com/watch?v=oVdj0lripPg

Le ultime rivolte scorrono sulla rete. I ragazzi scrivono su Twitter, creano gruppi di sostegno su Facebook e caricano video su You Tube. Così gli scontri, le repressioni ai danni della popolazione e dei giovani universitari sono in presa diretta e nessuno anche in Occidente, può fare finta di non sapere.

Da Benghazi a Tripoli i regimi cercano di sopravvivere attaccando la popolazione in rivolta, ma la loro vera sconfitta la segnalano i social network. Le autorità libiche bloccano le connessioni ad internet, ma la rete continua a chiedere le dimissioni del colonnello Gheddafi. In Iran le forze di sicurezza sopprimono un sit-in nel campus della facoltà di Scienze di Shiraz, eppure su You Tube sono già disponibile le immagini girate dai cellulari. 

E’ il tam tam della rete ad alimentare le proteste, a far scendere in piazza e a far saper agli studenti iraniani che due giorni fa un loro collega, Hamed Nourmohammadi, è stato ucciso durante una manifestazione antigovernativa a Shiraz. I siti d’opposizione poi alimentano il grande flusso di informazioni e non intendono tacere. Tutti devono sapere che nel caso di Nurmohammadi la morte non è stata accidentale. Forze paramilitari basij l’hanno percosso e poi spinto giù da un ponte.

E prima ancora che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e la Lega Araba – sotto richiesta di Amnesty International, la nota organizzazione internazionale per i diritti umani – inviino una missione in Libia per indagare sulla repressione dei manifestanti, i social network avranno già redatto il loro rapporto, a colpi di messaggi postati o video inviati. Un archivio difficile da cancellare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scontri in Libia, paura in Italia tra gli studenti stranieri

Next Article

Sapienza, dottorato honoris causa alla Montalcini

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"