Samuel, campione di calcolo mentale a soli 13 anni: “Ho iniziato con le figurine, adesso sogno di fare l’astronauta”

Eccezionale risultato ai campionati italiani di calcolo mentale che si sono tenuti nelle scorse settimane alla Luiss di Roma dove a vincere, nella sua categoria, è stato uno studente di 13 anni, Samuel Stripoli. “Fare calcoli a mente mi viene naturale, anche risolvere problemi di geometria. La mia passione? L’astronomia”.

Ha iniziato a fare calcoli, senza penne, fogli e calcolatrici, quando aveva quattro anni. Per allenarsi usava l’album delle figurine dei calciatori dove ad ogni numero riusciva ad associare un volto e una squadra. Oggi ha stravinto i campionati italiani di calcolo mentale nella sua categoria, a soli 13 anni. È la storia di Samuel Stripoli, studente della scuola media “Mazzini-Galilei” di Bari che lo scorso 9 aprile si è imposto nella competizione che si è svolta alla Luiss riuscendo anche a piazzarsi all’ottavo posto assoluto con l’incredibile punteggio, per la sua età, di 354 su 400, rispondendo a più di 90 questiti in appena un’ora e venti senza alcun aiuto tecnologico.

“Ho iniziato a calcolare a mente quando avevo quattro anni. Mi riusciva tutto con naturalezza e non mi sono mai fermato – ha spiegato Samuel al Corriere della Sera che oggi racconta la sua storia – Per migliorare ho semplicemente continuato a fare calcoli, sempre più difficili. E mi sono riusciti tutte le volte. Per aiutarmi utilizzavo anche uno dei passatempi preferiti dai bambini di ogni età, l’album dei calciatori. Mi era sufficiente guardare per una volta il numero della figurina e il giocatore collegato per fissarlo nella mente. A volte mi sono esercitato anche così. Non ci sono calcoli che mi mettano in particolare difficoltà, riesco a fare tutto. Posso anche risolvere a mente i problemi di geometria”.

L’impresa della Luiss non è l’unica portata a termine da Samuel: già lo scorso anno si era classificato ottavo (su cinquantasei) alle olimpiadi di logica Kangourou, e quest’ anno ha raggiunto le semifinali – in programma il 20 maggio – nella stessa competizione. “Sono un grande appassionato di astronomia, ho un piccolo telescopio dal quale ogni tanto osservo i crateri lunari. L’anno prossimo mi iscriverò al liceo scientifico e poi all’università, ma il mio sogno è quello di diventare astronauta” ha confessato.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Educazione fisica alle elementari, docenti beffati: "Non ci sarà nessuna nuova assunzione"

Next Article

Un camper davanti alle scuole per far conoscere i "benefici" della chirurgia plastica: bufera sull'iniziativa della Regione Campania

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.