Salento: il rettore indaga e il preside si dimette

Il rettore dell’Università del Salento Domenico Laforgia e il preside della facoltà di Scienze della formazione, scienze politiche e sociali, Michele Carducci sono al centro dell’ateneo in queste ore per un fatto che ha scosso l’intera comunità accademica.

images

Il rettore dell’Università del Salento Domenico Laforgia e il preside della facoltà di Scienze della formazione, scienze politiche e sociali, Michele Carducci sono al centro dell’ateneo in queste ore per un fatto che ha scosso l’intera comunità accademica.

Laforgia ha istituito una commissione di indagine su disfunzioni nei piani di studio e appelli di esame denunciate dall’Udu. Carducci ha appreso la notizia lo scorso mercoledì da una telefonata della segretaria del rettore Anna Maria Muci con la quale lo convocava di fronte all’organismo per il 5 marzo.

Immediata la reazione del Carducci che ha prontamente annunciato le dimissioni motivando il tutto con una lettera molto dura. I docenti dela facoltà si sono stretti attorno al professore e così il rettore ha fatto un passo indietro respingendo le dimissioni e scaricando “eventuali negligenze” sul manager didattico Stefania Presicce che, oltre ad essere componente del senato accademico, non è molto in accordo con il rettore.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano: musica, teatro e spettacoli per un weekend da vivere

Next Article

Muore nel suo letto inghiottito da una voragine di 9 metri

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.