Sacconi, salari differenziati e più valore al Placement

mauriziosacconi.jpg«La Lega è d’accordo con il nuovo modello. Nessuno ha parlato di gabbie salariali, meccanismo centralistico fissato per legge. Se il contratto si decentra, ineluttabilmente è più sensibile alle differenze di costo della vita e di produttività». Il ministro Maurizio Sacconi non ha alcun dubbio: «I salari – dice intervistato dal Corsera – vanno differenziati perchè non siamo uguali. Il banco di prova autunnale, con i primi contratti di metalmeccanici,alimentaristi, chimici e comunicazioni, sarà l’attuazione dell’accordo sottoscritto da tutti tranne che dalla Cgil. Meno il contratto nazionale sarà invasivo, più ci sarà spazio – osserva il titolare del Welfare – per il contratto aziendale, detassato del 10 per cento».
E però, insiste Sacconi, «il punto vero è che sindacati e imprese, dopo aver firmato l’accordo, non possono cedere. Siamo rispettosi dell’autonomia delle parti, ma non indifferenti agli esiti». Tradotto in pratica, «abbiamo messo sul piatto la detassazione del salario variabile. Ma nella misura in cui le parti la usano: altrimenti – avverte il ministro – dovremmo ripensarci. In autunno ci devono dimostrare che l’egualitarismo non rientra dalla finestra dopo essere uscito dalla porta. Ne va della produttività e soprattutto del riconoscimento del diritto dei lavoratori a una giusta retribuzione. In questo ci confermiamo una coalizione laburista».
Sacconi, nell’intervista, parla anche degli asili nido e del «grande piano di diffusione delle cosiddette mamme di giorno» e annuncia misure sulla formazione: «Realizzeremo una cabina di regìa per integrare apprendimento scolastico e lavoro, rafforzando il Progetto Excelsior Unioncamere per individuare il fabbisogno di specifiche professionalità. Ma vogliamo anche dare valore agli Uffici di Placement nelle Scuole e nelle Università».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Provincia di Bolzano, domande online

Next Article

Virus H1N1, in Italia oltre 1.500 contagiati

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.