Sabato 9. Confronto con il Ministro Carrozza sul tema scuola digitale

scuola digitale
La rivoluzione digitale è già realtà in alcune scuole italiane

Scuola digitale – Il futuro della scuola italiana sarà il digitale: sia per i libri di testo, destinati a diventare ebook, che per i supporti didattici. Addio alle vecchie lavagne in ardesia e ai registri di classe tradizionali.

Per discutere delle potenzialità di queste innovazioni, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza interverrà al convegno “Uno, nessuno, centomila. Libri di testo e risorse digitali per la scuola italiana in Europa” che si terrà a Pisa, sabato 9 novembre.

A pochi giorni dall’approvazione alla Camera del Decreto “L’istruzione riparte”, che introduce proprio le novità digitali nel mondo della scuola, ecco un appuntamento per fare luce su una situazione che ancora in pochi conoscono fino in fondo.

L’appuntamento di sabato, organizzato dal Miur e dalla Scuola Normale Superiore, punta a coinvolgere gli attori principali e gli esperti del settore per elaborare le strategie future di un passaggio fondamentale e mettere a confronto le tante esperienze in corso, non solo in Italia.

Il confronto comincerà alle ore 9 e durerà tutta la giornata. Si svolgerà presso la Scuola Normale Superiore, Sala Azzurra del Palazzo della Carovana, sita in Piazza dei Cavalieri 7, a Pisa.

Tutti gli interessati, giornalisti, esperti, ma anche studenti e operatori del settore sono invitati a partecipare all’evento comunicando la loro presenza all’indirizzo email [email protected].

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il mio talento crescerà in Italia

Next Article

Bologna: classe di soli stranieri in una scuola media. Il Preside: "Non è un ghetto"

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".