Ruba 5 dollari ad un compagno di classe. Bimbo di 7 anni finisce in cella

Schermata 2013-01-31 a 11.32.55

Ancora un’incredibile storia di violenze nei confronti dei bambini negli Stati Uniti, ma questa volta i protagonisti sono gli agenti di New York che hanno arrestato, ammanettato e detenuto per 10 ore – quattro nella scuola e sei nella centrale – un bambino di sette anni accusato da un compagno di classe di aver rubato 5 dollari. La storia e’ avvenuta all’inizio di dicembre nel Bronx ma e’ stata raccontata adesso dal New York Post perche’ la madre del piccolo Wilson Reyes ha fatto causa al Nypd per i maltrattamenti subiti dal figlio.

Anche il padre del piccolo presunto ‘derubato’ – secondo la ricostruzione del tabloid l’intera vicenda del furto era un malinteso – ha condannato, sempre intervistato dal Post, il comportamento della polizia. “Se e’ stato ammanettato per tutto quel tempo e’ una cosa negativa, e’ solo un bambino”, ha detto Santiago Acevedo. Era stata la moglie a presentarsi all’ufficio del direttore della scuola PS X114 per denunciare il fatto che il figlio era stato picchiato e rapinato da Wilson quattro giorni prima. A questo punto il direttore della scuola ha chiamato la polizia per denunciare a sua volta quella che veniva definita come una vera e propria “rapina”.

Intanto, dopo il clamore suscitato dalla denuncia del Post la polizia di New York ha avviato un’inchiesta interna per verificare il comportamento degli agenti che il 4 dicembre scorso risposero alla chiamata della scuola. Secondo quanto denunciato dalla madre del piccolo Wilson, quando alla donna e’ stato, dopo diverse ore, finalmente permesso di vedere il bambino lo ha trovato ammanettato ad un tubo del muro. La donna ha presentato lunedi’ ricorso contro la citta’ di New York chiedendo 250 milioni di risarcimento. Il vice capo della polizia, Paul Browne, nell’annunciare l’avvio dell’inchiesta interna, ha comunque definito “distorte e mistificatorie” le accuse della madre di Wilson.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il matrimonio fa bene al cuore e riduce il rischio di infarti

Next Article

Ca' Foscari: nasce la prima biblioteca digitale

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".