Rossopomodoro assume pizzaioli e responsabili

Si scrive Sebeto, si legge Rossopomodoro. Noto marchio del gruppo napoletano che, attivo nella ristorazione da dieci anni, ha da poco aperto un ristorante a Milano e prevede altre 11 aperture entro l’anno. Con 150 nuovi inserimenti, dai manager di ristorante ai lavapiatti.
Ci sono 11 punti vendita in partenza: due a Napoli, poi Vicenza, Savignano sul Rubicone in Emilia, Rende, Prato, Catania, Trieste, Palermo, Fano. E a fine anno New York. Un gran numero di assunzioni in vista quindi.
Il profilo più ricercato è quello del direttore di ristorante esperto: per questa figura l’azienda ha anche istituito una scuola di preparazione.
I requisiti per essere selezionati sono un’età compresa tra i 30 e i 35 anni, con diploma e alle spalle un percorso professionale. Più che la provenienza dal settore della ristorazione, contano la capacità di gestire una squadra di collaboratori e la voglia di affrontare un lavoro di relazione costante con il pubblico.
Per quanto riguarda pizzaioli e cuochi, invece, fondamentale è una preparazione professionale molto elevata. Per loro, poi, è previsto un mese di formazione in affiancamento, utile a imparare tutte le tecniche di produzione che caratterizzano l’offerta.
Le candidature si possono inviare inserendo il proprio curriculum sul sito www.rossopomodoro.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lombardia, il design oltre la crisi

Next Article

Pizza:“Meno sprechi negli atenei”

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.