Lombardia, il design oltre la crisi

ideadesign.jpgNuova linfa nella creatività, per premiare i giovani talenti. Tornerà anche nel 2010 il progetto “Decò – Design e Competitività”. Lo ha deciso, su proposta dell’assessore all’Artigianato e Servizi, Domenico Zambetti, la giunta Regionale della Lombardia che finanzierà il progetto con un importo di 895.000 euro. Anche la nuova edizione del progetto si rivolge ai giovani designer e a quelle imprese che, pur provenendo da settori diversi, utilizzano il design come leva primaria per innovare e competere sul mercato.
«L’obiettivo principale del progetto – spiega l’assessore Zambetti – è di fornire ai designer emergenti un percorso agevolato per acquisire visibilità all’interno del loro settore e ottenere così un riconoscimento pubblico che possa abbattere quelle barriere che nelle fasi iniziali della carriera di un giovane designer possono ostacolare il successo di idee anche se particolarmente brillanti».
Concorso di idee. Per tradurre le idee innovative sviluppate dai giovani designer in concrete idee di business e in prodotti commercializzabili, anche quest’anno ci sarà un coinvolgimento diretto delle imprese di settore che si faranno carico di realizzare le migliori idee dei designer (fino ad un massimo di 50), selezionate da un’apposita giuria. Nei prossimi mesi verranno pubblicati i due bandi per la selezione dei designer e delle imprese di settore.
Requisiti. Potranno partecipare al bando per la selezione di idee progettuali, studenti o laureati in discipline relative al design, anche in gruppi, residenti in Lombardia o che abbiano frequentato istituti o università lombarde, con un’età inferiore ai 35 anni e che non abbiano mai «firmato» col proprio nome prodotti commercializzati o in corso di realizzazione.

A caccia d’imprese.
Le idee di design dovranno essere riconducibili a specifiche tematiche come design per la casa, ufficio, arredamento e complementi d’arredo. Con il secondo bando invece, si ricercheranno le imprese interessate a sviluppare i prototipi delle idee innovative proposte dai designer selezionati che riceveranno, a parziale copertura delle spese per la realizzazione del prototipo, fino ad un massimo di 10.000 euro.
La gestione operativa del progetto è stata affidata a Cestec (Centro per lo sviluppo tecnologico, l’energia e la competitività delle piccole e medie imprese lombarde). «Dopo il successo della scorsa edizione di Decò – conclude l’assessore Zambetti – abbiamo deciso di far partire subito la nuova edizione, per ribadire la nostra costante attenzione al design e ai giovani talenti, e per dare una risposta concreta alle imprese lombarde che vogliono fare innovazione anche in questo momento di grande difficoltà per l’economia».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Docenti, il Campidoglio aggiorna l'albo

Next Article

Rossopomodoro assume pizzaioli e responsabili

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.