Pizza:“Meno sprechi negli atenei”

giuse-180x140.jpgLe università tagliano i corsi e la nuova offerta formativa dovrebbe presentare non poche sorprese, tra tagli e accorpamenti di cattedre. Mentre l’obiettivo del governo è di ridurre del 20% entro il 2010 il numero dei corsi di laurea, il sottosegretario all’istruzione Giuseppe Pizza ritorna sulla questione puntualizzando che la linea del Ministero è di “intervenire contro gli sprechi premiando il merito e lo sforzo compiuto per non valutare allo stesso modo i laureifici e le università virtuose”.

Dopo le richieste di Siracusa per evitare i tagli dei corsi di laurea in Scienze dei beni culturali e in Tecnologia applicata al restauro, annunciati dal rettore di Catania Antonino Recca, il sottosegretario ha sottolineato – durante un incontro tra i vertici istituzionali interessati alla “querelle” con l’ateneo di Catania – che sosterà le richieste dell’ateneo siciliano. Il vero obiettivo non è tagliare, ma migliorare l’offerta formativa. “Se i beni culturali sono i nostri pozzi petroliferi soprattutto nel Mezzogiorno – ha detto Pizza – allora dobbiamo investire in questo settore. In tal senso vi sosterrò al massimo”.

Il sottosegretario resta comunque un vivo sostenitore del principio di un decentramento virtuoso delle università, definito “il dato più significativo della legge Ruberti (legge dell’Autonomia) e una necessità per il Paese”.

Pizza ritornerà a parlare del problema “tagli” martedì, di nuovo a Siracusa, insieme al ministro Mariastella Gelmini. Il mezzogiorno, infatti, fatica a stare dietro questa legge e non sono pochi quelli che vedono in questi tagli un ulteriore colpo alla propria città. “Le ragioni economiche – ha sottolineato il sindaco Visentin – da sole non bastano a motivare la riduzione della presenza universitaria a Siracusa. Se c’è altro, siamo pronti a discuterne, ma noi riteniamo che i corsi devono essere rilanciati anche con una forte specializzazione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rossopomodoro assume pizzaioli e responsabili

Next Article

Staff di terra e di bordo per Air Dolomiti

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"