Roma, piove nella scuola dell’infanzia

Pioggia1Piove, guarda come piove, senti come viene giù. È questa la canzone che, molto probabilmente, canteranno i bambini romani dell’Istituto comprensivo Motta Camastra, in via Casale del Finocchio, periferia Sud-Est della Capitale. Sì, perché da un anno a questa parte le infiltrazioni che vengono dalla terrazza costringono i bambini a  districarsi tra stracci e secchi sul pavimento, con piccole cascate d’acqua che cadono vicinissime ai banchi.

Con le piogge di questi giorni, poi, la situazione si fa sempre più insostenibile, e diventa pericolosa per gli stessi alunni. I vigili del fuoco hanno transennato la zona più a rischio, isolandola. I 24 bambini che non possono entrare nelle proprie aule sono costipati tutti in una specie di aula collettiva nell’androne della scuola.

Le mamme degli alunni hanno più volte fatto sentire la propria voce, procedendo anche ad una raccolta firme con annessa denuncia alla Asl. Anche perché l’incidenza delle malattie sta raggiungendo livelli altissimi.

Per il momento non si vede neanche l’ombra dei fondi per la manutenzione, e le cose sembrano destinate a proseguire così per tutta la stagione invernale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un giusto tasso di stupidità può far bene all'ufficio?

Next Article

Siria, le bombe fanno strage all'Università di Aleppo

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident