Siria, le bombe fanno strage all’Università di Aleppo

img1024-700_dettaglio2_siria-strage-universita-Aleppo

Quella di ieri era una giornata importante per gli studenti di Aleppo. L’Università della città ospitava la prima giornata di esami. Tutto, però, si è trasformato in tragedia: due esplosioni hanno colpito il palazzo, causando più di 80 morti tra studenti e rifugiati. Sì, perché l’edificio ospitava anche rifugiati (nella maggioranza bambini e madri costrette ad abbandonare le proprie abitazioni), tutti non armati.

Secondo le autorità siriane il massacro è stato provocato da due missili lanciati dai ribelli e finiti fuori bersaglio. L’ong, Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, parla di almeno 52 morti, ammettendo che il bilancio è destinato a salire. Ma per l’Esercito Siriano Libero i missili sono stati lanciati dagli aerei di Assad.

La strage di ieri va ad aggiungersi alle molte tragedie che da oramai più di 1 anno colpiscono la Siria. Il governo di Bashar al Assad continua  a combattere con le bombe i tentativi dell’Esercito Siriano Libero, che lotta per la libertà e la democrazia nel Paese. La città di Aleppo, la seconda dopo Damasco, è diventata da mesi un vero e proprio teatro di guerra. Si combatte con ogni mezzo, ad ogni ora del giorno e della notte. E nemmeno gli studenti vengono risparmiati.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, piove nella scuola dell'infanzia

Next Article

Concorsone, 6mila ricorsi. La discussione il 7 febbraio

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.