Roma, i borsisti dell'Accademia di Francia si arrampicano su un marmo originale per una foto di gruppo

Una foto di gruppo con sei persone in posa, rigorosamente arrampicate su un marmo originale e antico romano, raffigurante la Dea Roma. Benvenuti all’Accademia di Francia, a Roma, una delle più prestigiose e antiche istituzioni culturali al mondo, con 350 anni di vita e tutela diretta del Ministero della Cultura francese.
La foto è stata diffusa ieri a mezzo stampa direttamente dalla stessa Villa Medici, in occasione del festeggiamento e della prima uscita pubblica del nuovo direttore, Muriel Gayett. Tutti sorridenti e in posa, i borsisti – sulla carta artisti, studiosi e intellettuali – hanno scalato la statua. Gli altri, invece, sono rimasti a terra.
Un calco? Macché. La statua è uno dei rari originali conservati nei giardini. Di gusto adrianeo, fu acquistata dal cardinale Ferdinando de’ Medici, il quale la comprò da Ippolito d’Este.
“Ora, si fosse anche trattato di un calco l’esempio che derivava da quella foto sarebbe stato comunque pessimo – scrive Edoardo Sassi, sul Corriere della Sera – , tanto più per un’istituzione culturale che dovrebbe avere la tutela e il decoro dei beni al primo posto della sua missione di civiltà”.
 
Ecco l’allegra foto di gruppo
accademia-kESG-U43130967872472dVG-1224x916@Corriere-Web-Roma-593x443
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 01 dicembre

Next Article

Kenya, esercitazione antiterrorismo all'università: 1 morto e 40 feriti

Related Posts
Leggi di più

TikTok fa scuola: 50 milioni per supportare contenuti di apprendimento

SCUOLA TikTok fa scuola: dalla fisica con il basket alle spiegazioni sulla spigola gigante, 50 milioni per supportare contenuti di apprendimento TikTok fa scuola: dalla fisica con il basket alle spiegazioni sulla spigola gigante, 50 milioni per supportare contenuti di apprendimento La piattaforma ha annunciato la costituzione di un Creative Learning Fund e lanciato l'hashtag #LearnOnTikTok. L'obiettivo è fornire risorse agli studenti introducendo gli insegnanti al social