Kenya, esercitazione antiterrorismo all'università: 1 morto e 40 feriti

Un morto e più di 40 feriti. E’ questo il tragico bilancio di un’esercitazione militare in Kenya, con tanto di simulazione di attacco terroristico. Il fatto, avvenuto in un’Università privata della capitale, Nairobi, ha scatenato il panico tra gli studenti: in molti non erano preparati e non erano stati avvertiti quando nella struttura sono riecheggiati gli spari. Da lì è cominciato il fuggi fuggi generale. “Una componente del personale è morta per le gravi ferite riportate alla testa”, ha reso noto Betty Ngala, portavoce dell’ateneo di Strathmore. Due dei feriti sono ricoverati in condizioni critiche. La maggior parte degli altri si è procurata fratture saltando giù dai piani alti dell’edificio.
Secondo quanto riportato, la simulazione, concordata con la polizia, “era destinata a verificare la preparazione della comunità universitaria e degli addetti ai soccorsi in caso di attacco. Malauguratamente, studenti e personale si sono fatti prendere dal panico”, ha fatto sapere la direzione dell’Ateneo. Da parte sua, il capo della polizia di Nairobi, Japheth Koome, ha assicurato che l’esercitazione è stata condotta nel rispetto delle regole.
Sono ancora impresse nella memoria le immagini del 2 novembre 2015, quando a Garissa, nell’est del Kenya, un commando di islamisti somali aveva dato l’assalto all’Università, uccidendo più di 143 studenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, i borsisti dell'Accademia di Francia si arrampicano su un marmo originale per una foto di gruppo

Next Article

Nonostante tutto, Parigi resta la migliore città al mondo in cui studiare. La classifica QS

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"