Nonostante tutto, Parigi resta la migliore città al mondo in cui studiare. La classifica QS

Parigi si conferma la migliore città universitaria per il 2015/2016. Nonostante gli attacchi terroristici che hanno scosso la capitale francese e il mondo intero lo scorso novembre, l’agenzia specializzata QS Universities Ranking ha posizionato proprio Parigi al vertice delle migliori 100 città al mondo in cui essere uno studente universitario il prossimo anno. Sul podio, insieme alla ville lumiere, si piazzano Melbourne e Tokyo.
Di seguito la fotogallery con le prime 10 posizioni
#1 – Parigi
GiveMe5-Parigi-Copertina
La classifica QS delle migliori città universitarie per il prossimo anno è stata stilata prima degli attacchi terroristici che hanno sconvolto il mondo occidentale. Non solo per questo, ma soprattutto per la sua intensa vita culturale e per il prestigio delle sue università, Parigi si conferma al numero 1 di questa speciale classifica.
#2 – Melbourne
DB-Results-Melbourne1
La città delle costa australiana è una delle più ambite dagli studenti di tutto il mondo: spiagge in cui rilassarsi, sole tutto l’anno, divertimento, ma anche un alta percentuale di neolaureati che trovano in tempi rapidi impiego regalano a Melbourne la seconda piazza.
#3 – Tokyo
tokyo-147585
Avveniristica e con una qualità della vita al top: unico neo di Tokyo è la scarsa varietà della popolazione universitaria. Il giapponese, si sa, non è una lingua facile da imparare.
#4 – Sidney
maxresdefault
Posizione altissima in classifica per la città più grande e popolosa dell’Australia nonostante lo scarso tasso di occupazione degli studenti che scelgono di frequentare corsi universitari a Sidney. In questo caso è proprio la qualità della vita ad attirare migliaia di giovani da tutto il mondo.
#5 – Londra
1920xxjasonhawkes-0056-hr
La City prende quasi il massimo in indicatori come “Varietà della popolazione studentesca”, “Qualità della vita” e “Presenza di atenei d’eccellenza”, tuttavia gli altissimi costi delle rette e quelli ancora più proibitivi degli alloggi costano la top 3 a Londra, che rimane comunque una delle città più ambite dagli studenti di tutto il mondo.
#6 – Singapore
singapore
In crescita rispetto agli scorsi anni, Singapore vanta alcune delle migliori università della Cina, è un centro economico e culturale di altissimo profilo e attira giovani da diverse zone dell’Asia. Per questo e molto altro si piazza alla sesta posizione della QS City Universities Ranking.
#7 – Montreal
PANORAMIQUE-HR
Il Canada e le sue città universitarie spicca costantemente nelle classifiche grazie all’alta qualità della vita e alla vivacità culturale, tuttavia, a spuntarla su tutte, è la capitale del Quebec grazie alla sua capacità di attrarre tantissimi studenti stranieri e di presentare quindi un fantastico melting pot di culture.
#8 – Hong Kong
hk-city
Università ai vertici delle classifiche mondiali e altissima percentuale di impiego per chi riesce a ottenere il titolo: Hong Kong si aggiudica un posto nella top 10 nonostante le difficoltà spesso incontrate dai giovani a trovare un alloggio in affitto.
#9 – Berlino
Berlino
Non poteva mancare: una delle città europee più amate dai giovani, grazie soprattutto alla sua vivacità in termini di eventi culturali e di possibilità di divertimento.
#10 – Seoul
seoul
Una delle realtà emergenti nel panorama universitario mondiale: il Sud Korea continua a investire in istituzioni accademiche estremamente competitive e vanta uno dei tassi di occupazione dei laureati più alti al mondo. Il tutto a scapito però della qualità della vita.
Guarda la top 100 della QS Best Student Cities

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Kenya, esercitazione antiterrorismo all'università: 1 morto e 40 feriti

Next Article

Dotazioni multimediali nelle scuole: 65 mila laboratori, ma il 20% ha solo un computer

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".