Roma in testa alla protesta

manifestazione.jpg“Non è che l’inizio”. Questo è quello che era scritto sullo striscione che mandava avanti, questa mattina, il corteo che alcune associazioni studentesche hanno organizzato per protestare contro i recenti provvedimenti presi dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini. I ragazzi che questa mattina sono scesi in piazza, a Roma, erano davvero tanti: alcuni erano universitari, moltissimi delle scuole superiori, ma tutti ugualmente decisi a contrastare la riforma della scuola e i tagli all’università decisi dal ministro.
Sia l’Udu (Unione degli Universitari), che l’Uds (Unione degli Studenti) promettono battaglia: se il governo non cambia rotta per quanto riguarda l’Istruzione, quella di questa mattina sarà solo la prima delle proteste che verranno organizzate: “non è che l’inizio”, appunto.
Da un camioncino alcuni degli animatori della manifestazione parlano col megafono alla folla ribadendo i punti caldi della loro protesta: la reintroduzione del voto in condotta e del maestro unico, i tagli ai fondi per l’università, che potrebbero dare come risultato l’incremento delle facoltà a numero chiuso e l’aumento delle tasse universitarie.
Valentina Giorda, dell’esecutivo nazionale dell’Udu afferma:“I provvedimenti presi dal ministro Gelmini riportano indietro il sistema scolastico di 50 anni e fanno sembrare lo studente una scatola vuota in cui inculcare delle nozioni”.
Un termine molto ricorrente negli striscioni e nelle bandiere che i ragazzi stanno sventolando è, infatti, “cultura”. È proprio la cultura che, secondo molti ragazzi del corteo, viene messa dalla riforma Gelmini decisamente in secondo piano. “La conoscenza non deve essere un capitolo di spese – dice Stefano Vitale, coordinatore UdS – una finanziaria che preveda tagli così netti all’istruzione pubblica è semplicemente devastante per la cultura dei giovani”.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

4 Borse per un Master in Media Education

Next Article

Istanbul, crocevia delle culture

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".