4 Borse per un Master in Media Education

suor-orsola.jpgC’è tempo fino al 20 ottobre per presentare la domanda di iscrizione alla seconda edizione del master universitario di I livello in “Media Education: formazione e nuove tecnologie”.
Lo scopo del corso, organizzato dall’Università Suor Orsola Benincasa e dall’IPE (Istituto per ricerche ed attività formative), è quello di specializzare professionisti di livello avanzato, da inserire nel mondo della formazione professionale, dell’istruzione primaria, secondaria e dell’università, che siano in grado di operare con i media e le nuove tecnologie nella scuola e nel mondo della formazione, attivare e gestire processi formativi nel campo dei media e delle tecnologie, coordinare e dirigere sistemi di orientamento degli studenti attraverso le più moderne tecniche di rilevazione e gestione delle informazioni.
Il percorso formativo si articolerà nei seguenti moduli: media e formazione, media e società, media e pratiche di consumo, media e sviluppo cognitivo.
Tra gli argomenti del Master: le tecnologie della comunicazione educativa e della formazione professionale, e-learning e formazione a distanza, l’aula virtuale, la media education in Italia e nel mondo; i “new millennium learners”, adolescenti multimediali: i “digital natives”, genitori e figli tra televisione, cinema ed internet, il media educator: competenze e profili professionali.
Tra le novità di questa seconda edizione del Master, a numero programmato per 45 posti, vi sono ben 4 borse di studio.
“Questa seconda edizione del Master è senza dubbio molto più ricca. Abbiamo potenziato i rapporti con le aziende e gli enti – spiega il direttore del Master Lucio D’Alessandro – e questo per offrire un percorso formativo che sia davvero professionalizzante. Più ricchi anche i moduli didattici, sia pur nella fedeltà all’originario progetto educativo. Il successo della prima edizione ci ha spinto a non cambiare indirizzo e continuare ad offrire una qualifica specifica a tutti coloro che operano da un lato nel mondo delle istituzioni educative, dall’altro nel mondo della formazione professionale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti in piazza, Gelmini bocciata

Next Article

Roma in testa alla protesta

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".