Studenti in piazza, Gelmini bocciata

universitariudu.JPGSarà un autunno molto caldo, soprattutto per gli atenei italiani: gli studenti dell’Udu (Unione degli Universitari) scendono in piazza questa mattina a Roma e in altre città, per manifestare il loro dissenso nei confronti della manovra portata avanti dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini e dal governo tutto: “Le mobilitazioni proseguiranno per tutto l’autunno se il governo non deciderà di ritirare i provvedimenti che stanno cancellando l’università pubblica”, si legge nella nota che annuncia la protesta.
Futuro incerto. “L’Università e la Ricerca sono il futuro di questo Paese. L’Università deve essere pubblica e di qualità e l’insegnamento libero. Tutti devono avere la possibilità di accedere ai più alti gradi dell’istruzione senza numeri chiusi e aiutati da un adeguato sistema di diritto allo studio”. Secondo l’Udu, che boccia senza appello i provvedimenti in materia di università del governo: “Con gli articoli 16 e 66 della legge 133/08 si bloccano le assunzioni – sarà possibile assumere un professore ogni cinque che vanno in pensione – e quindi si costringono gli atenei a introdurre il numero chiuso in maniera capillare, sia all’accesso alle lauree triennali che all’accesso alle lauree magistrali, per poter rispettare il rapporto docenti/studenti fissato dal decreto sui Requisiti necessari”.
Troppi tagli. Un’altra preoccupazione degli studenti riguarda il ricorso eccessivo ai tagli, con conseguente (inevitabile) aumento delle rette d’iscrizione da parte degli atenei e/o diminuzione dei servizi erogati: “I provvedimenti in questione introducono massicci tagli al fondo di finanziamento per le spese di funzionamento degli Atenei – meno 1.441.500.000€ in cinque anni – quindi si costringono le università ad aumentare le tasse in maniera incontrollabile e a ridurre i servizi per gli studenti come convenzioni con i trasporti locali, biblioteche, aule studio serali, segreterie, laboratori, corsi di tutorato…”
No alla privatizzazione. L’ingresso dei privati nel mondo della formazione e – nello specifico – negli atenei statali viene visto da parte del sindacato studentesco come una reale minaccia per l’autonomia della didattica: “Le università pubbliche hanno la facoltà di trasformarsi in Fondazioni di diritto privato, ma di fatto, con i tagli ai finanziamenti, le si costringe a farlo. Questo farà sì che le Università smettano di avere il fine di trainare il progresso sociale e culturale del Paese e anche la didattica e la ricerca saranno subordinate alle scelte dei finanziatori privati cui gli atenei saranno costretti a rivolgersi per sopravvivere”.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Posizioni aperte in tutta Italia in Autogrill

Next Article

4 Borse per un Master in Media Education

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"