Riconoscimento della professione di educatore per le scuole dell’infanzia

Gli educatori dei servizi educativi dell’infanzia che abbiano conseguito il titolo all’estero (Paesi UE e Non UE) e vogliano esercitare in Italia la professione di educatore dei servizi educativi per l’infanzia, possono chiedere il riconoscimento del titolo 

Gli interessati al riconoscimento in Italia dell’abilitazione estera all’esercizio della professione di educatore per l’infanzia, possono chiederlo.

Non saranno accettate per i titoli conseguiti in un Paese UE le dichiarazioni rilasciate dalle rappresentanze diplomatiche italiane all’estero in quanto non previste dalla normativa di riferimento. Saranno invece richieste le sole abilitazioni conseguite nei Paesi extra UE. Tali dichiarazioni devono certificarne anche il valore abilitante all’esercizio della professione.

In caso di differenza tra la formazione professionale richiesta in Italia e quella posseduta dall’interessato, potranno essere somministrate delle misure compensative.

È possibile presentare le istanze di riconoscimento professionale unicamente tramite la piattaforma Riconoscimento Professione Educatore per l’infanzia. Qualsiasi documentazione pervenuta in altre modalità non sarà presa in esame.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid, scuola e contagi: come deve comportarsi la famiglia? La guida

Next Article

Trovata morta la figlia di Malcolm X, leader per i diritti civili

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.