Regione Puglia: 1000 assunzioni e nuovi concorsi

Approvato un nuovo piano di reclutamento della Regione Puglia, assunzioni e concorsi in arrivo prevedono l’inserimento di oltre 1000 risorse
concorsi regione puglia

Approvato un nuovo piano di reclutamento della Regione Puglia, assunzioni e concorsi in arrivo entro il 2021. Il programma assunzionale regionale prevede l’inserimento di oltre 1000 risorse, anche tramite nuovi bandi di concorso.

REGIONE PUGLIA ASSUNZIONI 2021

La notizia è stata diffusa attraverso un recente comunicato pubblicato sul portale web istituzionale dell’ente. La nota presenta il nuovo piano di inserimenti definito dalla giunta regionale pugliese in accordo con le organizzazioni sindacali, la RSU e il CUG, che comprende una importante iniziativa di reclutamento per inserire nuove risorse in organico. Sono ben 754 le unità di personale che saranno assunte a tempo indeterminato a partire dai prossimi mesi, di cui 661 saranno inserite entro la prossima estate.

Le nuove assunzioni Regione Puglia previste dal programma comprendono 228 passaggi di livello e 38 nuovi co.co.co., che porteranno a 1021 in totale le risorse interessate.

L’iniziativa consentirà di garantire il ricambio generazionale e il turnover del personale che lavora negli uffici regionali.

MODALITA’ DI RECLUTAMENTO

Per reclutare le nuove risorse da assumere saranno banditi nuovi concorsi Regione Puglia. Le procedure concorsuali per coprire i posti di lavoro in Puglia previsti dal piano assunzionale saranno attivate tramite la piattaforma web per i concorsi della Pubblica Amministrazione Formez.

BANDI E DOMANDE

Gli interessati alle future assunzioni Regione Puglia devono attendere l’uscita dei bandi ufficiali di selezione, che saranno pubblicati anche nella sezione dedicata ai concorsi Regione Puglia del portale web regionale.

Leggi anche:

Ministero Affari Esteri: concorso per 400 diplomati

Servizio Civile Universale 2021: prorogato il bando

Concorsi Ministero della Salute 2021 per 180 assunzioni

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sette studenti morti in Bolivia durante una protesta: la tragedia

Next Article

Comitato delle Regioni: tirocini retribuiti a Bruxelles

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.