Comitato delle Regioni: tirocini retribuiti a Bruxelles

Il Comitato delle Regioni offre la possibilità di svolgere tirocini retribuiti di cinque mesi presso la propria sede di Bruxelles in Belgio.

Il CoR, Comitato delle Regioni, offre la possibilità di svolgere tirocini retribuiti di cinque mesi presso la propria sede di Bruxelles in Belgio.

I tirocini sono rivolti a giovani laureati.

Per candidarsi ai prossimi stage c’è tempo fino al 31 marzo 2021. Ecco tutte le informazioni e come partecipare.

IL COMITATO

Il Comitato delle Regioni (Committee of the Regions) è un organo dell’Unione Europea, creato nel 1992 in applicazione del Trattato di Maastricht, il cui obiettivo è incentivare la cooperazione tra le regioni degli stati membri dell’UE. Questo organo consultivo ha sede a Bruxelles ed è composto da 329 membri (e altrettanti supplenti), rappresentanti gli enti regionali e locali.

COMITATO DELLE REGIONI TIROCINI

Ogni anno il “CoR” propone stage retribuiti rivolti a laureati, della durata di 5 mesi, a Bruxelles, con due diverse immissioni, per la sessione primaverile e per quella autunnale. Grazie ai percorsi di formazione e lavoro, i giovani hanno l’opportunità di svolgere tirocini formativi presso il Comitato delle Regioni, realizzando una interessante esperienza di lavoro all’estero in un contesto internazionale, e di prendere parte a conferenze, forum e seminari su argomenti diversi.

Gli inserimenti degli stagisti a presso il CoR avvengono in due distinti periodi dell’anno, con le seguenti scadenze per l’invio delle domande di partecipazione:
– sessione primaverile, dal 16 febbraio al 15 luglio. Domande dal 1° aprile al 30 settembre;
– sessione autunnale, dal 16 settembre al 15 febbraio. Domande dal 1° ottobre al 31 marzo.
Dunque al momento è possibile, entro il 31 marzo 2021, presentare la candidatura per partecipare agli stage che si terranno da settembre 2021 a febbraio 2022.

REQUISITI

Per candidarsi ai tirocini Comitato delle Regioni a Bruxelles i candidati devono essere in possesso dei requisiti di seguito riassunti:

  • essere cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione europea o di uno Stato che è un candidato ufficiale per l’adesione;
  • aver completato almeno il primo ciclo di un corso di istruzione superiore e ottenuto un diploma di laurea entro il termine ultimo per le candidature;
  • avere una conoscenza approfondita di una delle lingue ufficiali dell’Unione europea e una conoscenza soddisfacente di un’altra lingua di lavoro dell’UE (francese o inglese).

CONDIZIONI DI LAVORO

Il tirocinio avrà durata di 5 mesi con un impegno settimanale full time (40 ore alla settimana).

I tirocini retribuiti CoR prevedono una borsa di studio mensile pari a circa 1.200 Euro. Possono essere erogati, inoltre, contributi supplementari come indennità di viaggio e mobilità.

COME CANDIDARSI

Gli interessati ai tirocini Comitato delle Regioni possono presentare domanda di partecipazione, entro i termini di scadenza previsti per la sessione di interesse, attraverso l’apposita procedura online.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article
concorsi regione puglia

Regione Puglia: 1000 assunzioni e nuovi concorsi

Next Article

Google: opportunità in Italia, le posizioni aperte e come candidarsi

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.