Regione Lazio, firmato protocollo sui precari della sanità. "Passaggio storico"

 E’ stato firmato oggi un protocollo con le OO.SS. maggiormente rappresentative di tutta la dirigenza del Sistema Sanitario Regionale e del comparto che punta a eliminare, nel rispetto dei limiti imposti dal Piano di rientro, la piaga del lavoro precario nelle strutture della sanita del Lazio.

“Siamo ad un passaggio storico – commenta il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – dopo aver ridefinito un quadro programmatorio certo e condiviso per governare la sanità del Lazio anche nei prossimi anni e aver nello stesso tempo risanato i conti, possiamo oggi programmare la fine del precariato per le migliaia di medici, infermieri, tecnici che lavorano anche da dieci e più anni con contratti a tempo determinato nella nostra sanità”.

La Regione Lazio entro il 2015, avvierà dunque un piano triennale per la stabilizzazione dei precari che lavorano nella sanità ed a settembre pubblicherà un decreto in cui saranno ulteriormente specificate le procedure operative. La Regione Lazio per avviare questa operazione, ha già proposto ai ministeri affiancanti, di modificare la percentuale del turn over, a partire dalla seconda metà del 2015 dal 15% al 30% del numero del personale cessato dell’anno precedente, poi successivamente al completamento del riordino previsto dai programmi operativi, di superare il blocco del turn over e attenersi alla normativa nazionale in materia. L’operazione dovrà essere in linea con quanto previsto dai programmi operativi 2013-2015, il riordino della rete ospedaliera, dell’emergenza e delle reti “tempo dipendenti” e degli Atti aziendali. Inoltre le Aziende in questa fase stanno procedendo alla definizione della propria dotazione organica. Un quadro normativo completo che permette di programmare la fine del precariato in sanità. Il processo di stabilizzazione avverrà mediante procedure concorsuali riservate nella misura massima del 50% delle possibilità di assunzione previste dalla Regione Lazio nel piano triennale.

“Si tratta – ha concluso Zingaretti – di migliaia di persone a cui oggi diamo una concreta speranza di stabilizzazione indicando tempi e modi del processo che si avvia con questo protocollo”.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, pubblicato il bando per l'assunzione di oltre 55 mila docenti

Next Article

HIV, paziente guarisce senza farmaci. "E' il primo caso al mondo"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.