HIV, paziente guarisce senza farmaci. "E' il primo caso al mondo"

Per la prima volta al mondo il virus dell’HIV sembra regredire, senza farmaci. Il caso riguarda una paziente francese, 18enne, infetta dalla nascita. All’età di 6 anni, infatti, i genitori hanno deciso di interrompere le cure con farmaci anti-retrovirali. Da allora sono passati 12 anni, e i livelli del virus nel sangue sono molto bassi. Un successo? “Quasi”, confermano i dottori, anche se c’è ancora da aspettare per chiarire definitivamente le cose.
I dettagli di questa storia sono stati presentati a Voncouver, in Canada, dove si tiene una conferenza mondiale sull’Aids. I medici dell’Istituto Pasteur di Parigi, dove la paziente è stata curata fin da piccola, sono cauti. “E’ probabile che questa ragazza sia stata in remissione virologica per così tanto tempo perché ha ricevuto una combinazione di farmaci anti-retrovirali molto presto dopo l’infezione”, spiega Asier Saez-Cirion, medico dell’Istituto Pasteur. “Con questo primo caso forniamo la prova del concetto che la remissione a lungo termine è possibile nei bambini, come negli adulti. Tuttavia – continua – questi casi sono molto rari. La donna sta vivendo normalmente. Il suo caso è unico, ma era passato inosservato anche tra i medici in Francia”. Sarebbe sbagliato, comunque, alimentare ancora false illusioni di guarigione. “Casi simili sono molto rari – concludono – e molto imprevedibili”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Regione Lazio, firmato protocollo sui precari della sanità. "Passaggio storico"

Next Article

Torna Riot Village, il campeggio studentesco più grande d'Italia

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".