Red e Naba, insieme per i giovani e le creatività digitale

Per la settimana della moda gli studenti di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti lanciano la loro creatività per le calze RED interpretando l’elemento “core” del brand: il colore.

I giovani designer hanno realizzato 12 tavole creative per i social con l’obiettivo di raccontare e interpretare le nuove tendenze viste con i loro occhi.

Creatività e fantasia, da sempre centrali per RED – Brand del Calzificio Re Depaolini, leader della calzetteria italiana dal 1938 – diventano le protagoniste digitali della collaborazione con NABA, Nuova Accademia di Belle Arti. Il progetto NABA per RED, avviato a dicembre 2019, coinvolge le giovani menti del Triennio in Fashion Design, con indirizzo Fashion Styling and Communication, e ha come scopo la progettazione e la realizzazione di contenuti creativi che possano essere utilizzati sui canali social del brand RED.
 
L’obiettivo degli studenti del corso di “Ambientazione moda II” è stato di elaborare circa 12 concept che raccontassero i prodotti RED con un linguaggio nuovo, meno istituzionale e più libero. Nello specifico, gli studenti divisi in gruppi hanno sviluppato moodboard, tavole illustrative e story board per spiegare gli output definitivi a supporto della comunicazione digitale di RED (video pillole, illustrazioni, fotografie, sketches, collage, ecc…). 
 
Alcuni studenti hanno anche realizzato l’art direction di una campagna social pronta per la settimana della moda alle porte. Sono partiti dall’elemento distintivo del brand RED: il colore rosso. Così si sono ispirati ad un’immagine esplicativa che puntasse tutto sul colore, perché nella prossima stagione il colore sarà l’elemento distintivo degli outfit. Gioco e interpretazione per ripartire con un guardaroba che giochi con un pizzico di autoironia. 

Il progetto con NABA, Nuova Accademia di Belle Arti si inserisce nel processo di re-styling totale messo in atto dal Calzificio Re Depaolini, con l’obiettivo di innovarsi abbracciando nuovi mezzi di comunicazione in maniera disinvolta e attuale. “Da sempre il Calzificio attua una politica di integrazione giovanile attraverso l’alternanza scuola-lavoro, perché crediamo fortemente nel punto di vista delle nuove generazioni. Siamo molto orgogliosi di questo progetto con NABA. Il nostro grazie va a tutti i docenti e gli studenti dell’Accademia che ci hanno seguito in questo magnifico percorso.” – afferma Giovanni Marazzini, Sales Manager di Rede, azienda proprietaria del brand RED.
 “Siamo molto contenti della collaborazione con Calzificio Re Depaolini che ha consentito ai nostri studenti di dimostrare il proprio talento e la propria personalità nell’interpretare i valori di qualità e d’eccellenza del brand. NABA, infatti, combina da sempre un approccio multidisciplinare con una metodologia learning by doing, volta ad offrire agli studenti l’opportunità di lavorare sul campo per sviluppare pensiero critico, capacità di problem solving e competenze pratiche di design.” – afferma Colomba Leddi, NABA Fashion Design Area Leader.
 
Alla fine del periodo di incubazione creativa, il Calzificio selezionerà le 4 migliori proposte per inserirle all’interno della propria comunicazione digital e social sulla pagina instagram e facebook.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Preparati per l'impatto", un videogame per imparare. La ricerca

Next Article

Referendum, "Si" vince con 69,64%. Regionali finisce 3 a 3. Zaia a Salvini: "Ora non decidi solo"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.