Reclutamento docenti, da Bianchi nessuna marcia indietro: “Le scuole ci chiedono più formazione”

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi commenta lo sciopero indetto dai sindacati per il prossimo 30 maggio: “Rispetto la loro posizione ma la nostra riforma è seria ed è prevista dal PNRR”. E sul rinnovo dei contratti annuncia l’avvio dell’iter per il tavolo di contrattazione.
Patrizio Bianchi in tv
Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi

Nessun passo indietro. Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, difende a spada tratta la sua riforma sul reclutamento dei docenti che tra i prof ha scatenato più musi lunghi che sorrisi e spinto i sindacati a proclamare uno sciopero unitario per il prossimo 30 maggio.

“Rispetto le decisioni dei sindacati. Ci tengo a sottolineare che si tratta di un disegno serio e innovativo che fa parte del Pnrr. Si definisce un percorso chiaro di formazione iniziale affidato a università e scuola insieme, che valorizza il tirocinio con tutor scolastici e che integra anche le competenze didattico pedagogiche – ha spiegato il ministro in un’intervista al Corriere della Sera – Il decreto non fa tagli: sulla scuola abbiamo investito e continueremo a farlo. Fino al 2026 l’organico rimarrà inalterato e impiegato anche per ridurre la numerosità delle classi. Le risorse che si libereranno dopo, a causa del drammatico tasso di denatalità, saranno reinvestite nel settore. Inoltre settembre abbiamo assunto quasi 60 mila insegnanti. Ne assumeremo altri 60mila a settembre 2022 e 70mila entro il 2024. Vado in molte scuole da quando sono ministro e incontro insegnanti che ci chiedono più formazione e un riconoscimento dei loro sforzi educativi. Con il decreto diamo strumenti che consentano un aggiornamento costante, indispensabile per svolgere il loro compito di guida”.

Difesa anche dei concorsi, finiti nell’occhio del ciclone a causa dei tanti errori presenti nei test che hanno fatto balzare la percentuale dei bocciati alle stelle. “La media degli ammessi è in linea con i risultati dell’ultimo concorso del 2016, svolto con quesiti a risposta aperta. Inoltre, abbiamo istituito una commissione di alto livello scientifico che studierà linee guida sulla redazione dei test e accerterà le modalità di prove che possano verificare le competenze. Il nuovo sistema prevede concorsi annuali, con una cadenza certa e regolare” ha assicurato il ministro che poi ha annunciato anche l’avvio del percorso per il rinnovo del contratto nazionale: “Il ministro della Pubblica amministrazione ha firmato l’atto di indirizzo che è stato inviato all’Aran (l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) perché possa avviare il tavolo di contrattazione”.

LEGGI ANCHE:

Total
26
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La prima canna? In Italia si fuma a 13 anni. L'allarme dei medici: "Ripercussioni sull'apprendimento scolastico"

Next Article

Messa: "Dopo il Covid le immatricolazioni sono cresciute"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident