Ragazzine doccia, prostituzione a scuola in cambio di oggetti

ragazze doccia

Ragazzine-doccia che alle prime ore di lezione fanno girare sui telefonini informazioni su tipologie di prestazioni offerte, orari, appuntamenti, richieste. Il fenomeno, davvero triste, è stato recentemente scoperto nell’ambito di un percorso contro il bullismo nelle scuole, dall’equipe del prof Luca Bernardo, direttore del reparto di pediatria dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano. Secndo il dossier redatto dagli esperti, 8 ragazzine tra i 14 ed i 16 anni,  provenienti da famiglie della Milano bene ed iscritte ad istituti privati, si prostituirebbero abitualmente in cambio di oggetti.

Le minori scelgono le loro prede, studenti più o  meno coetanei, in base a quello che questi hanno loro da offrire. Per le ragazzine diventa un gioco nel quale pensano di avere il controllo, ma in realtà diventano vittime di un fenomeno che il prof  Bernardo definisce allarmante. Il timore è che nel giro siano entrati anche degli adulti che potrebbero essere diventati procacciatori di clienti per le ragazzine e che le prestazioni possano avvenire anche in cambio di soldi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Prof può andare in pensione, anzi no: ci siamo sbagliati". L'assurda storia di otto insegnati veneti

Next Article

Al via il seminario di marketing on line per aspiranti imprenditori

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.