Quattro indagati per la morte di Giuliano: c’è anche la preside della scuola che frequentava

La Procura di Venezia ha iscritto nel registro degli indagati per la morte del 18enne la dirigente scolastica dell’Itis di Portogruaro e il docente che seguiva il percorso di orientamento, oltre ai responsabili della ditta. Oggi si terrà l’autopsia sul corpo del giovane.

Sono quattro gli indagati per la morte di Giuliano De Seta, lo studente di 18 anni rimasto schiacciato da una lastra di metallo venerdì scorso mentre era impegnato nella sua prima settimana di stage in alternanza scuola-lavoro nella ditta Bc Service di Noventa di Piave, in provincia di Venezia.

Oltre all’amministratore unico della società, Luca Brugnerotto, 39 anni, e il responsabile dell’impresa, la Procura ha iscritto anche la dirigente scolastica dell’Itis di Portogruaro dove Giuliano frequentava il quinto anno dell’indirizzo di elettrotecnica, Anna Maria Zago, e il docente che seguiva il percorso per le competenze trasversali e l’orientamento. A quanto si apprende non è stato possibile al momento identificare la figura del tutor aziendale che avrebbe dovuto seguire personalmente Giuliano nello stage in azienda.

L’autopsia sul corpo del giovane è prevista per oggi e solo dopo la fine dell’esame verrà dato il nulla osta allo svolgimento dei funerali, che con ogni probabilità si terranno a Ceggia la prossima settimana.

La tragica fine del 18enne ha riproposto il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro, tanto più se frequentati da giovani studenti in tirocinio. Nei giorni scorsi gli studenti hanno protestato davanti ad Assolombarda per la morte di Giuliano e l’Unione Degli Studenti ha convocato lo sciopero studentesco per il 18 novembre, chiedendo l’abolizione di ogni forma di alternanza scuola-lavoro.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università Ca' Foscari protagonista del meeting di EUTOPIA: "Ricerca, mobilità e didattica potenziata a livello eurpeo"

Next Article

Studenti Erasmus dormono in stazione a Ferrara, il governo spagnolo critica l'ateneo: "Doveva pensare all'accoglienza"

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.