Pure Water Vision: specchio della creatività

Spazio alla creatività e all’innovazione mediante una visione “pura” dell’acqua.

Spazio alla creatività e all’innovazione mediante una visione “pura” dell’acqua.
Il concorso Pure Water Vision, Acea EcoArt Contest 2010 sull’arte contemporanea è aperto dal 31 marzo al 31 agosto 2010 ed è rivolto a creativi sia nazionali che internazionali che possono iscriversi nelle categorie di Fotografia ed Elaborazioni Digitali, Videoarte e Videoinstallazioni, Pittura, Scultura, Installazioni e Performance Art.
Il tema sul quale gli artisti sono chiamati ad esprimere la loro creatività è il rapporto tra acqua, uomo e ambiente, fortemente legato allo sviluppo sostenibile del pianeta.
L’obiettivo è quello di evidenziare aspetti poco noti del ciclo dell’acqua.
La ricerca è focalizzata sulla visione artistica di cosa risiede oltre l’apparente semplicità dell’elemento acqua, di cosa accade, prima e dopo, la distribuzione della vitale risorsa che scorre dai rubinetti delle nostre case, attraverso un viaggio tra sorgenti, acquedotti, rete fognaria e impianti di depurazione.
Al Vincitore del concorso sarà assegnato il Premio Acea EcoArt 2010 del valore di 10.000,00 euro. I dieci finalisti parteciperanno ad una mostra collettiva e 30 opere selezionate saranno pubblicate sul Catalogo EcoArt Book edizione 2010.
Infine, una Selezione Speciale di artisti sarà coinvolta in attività di marketing culturale e campagne di comunicazione aziendale.
Un comitato curatoriale, composto da operatori dell’arte contemporanea, si occuperà parallelamente di fare ricerca per le due gallerie virtuali presenti sul sito di EcoArt Project – Guest Artists e Observatory on Green Art – attraverso la selezione di artisti affermati da invitare e il monitoraggio costante su iniziative affini indette da altre organizzazioni.
Pure Water Vision: Acea EcoArt Contest 2010 è nato dalla collaborazione tra il gruppo Acea ed EcoArt Project.
Leggere attentamente la normativa del bando.
La quota di iscrizione, a parziale copertura delle spese di organizzazione, è fissata in euro 35 (trentacinque) per ciascuna opera iscritta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In corsa per Kigali

Next Article

Cura del testo: una professione di ieri o di oggi?

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.