Pugno in faccia per strada e senza un motivo: ritorna l’assurdo gioco del ‘Knockout game’

Un ragazzo di 24 anni colpito per strada da un altro gruppo di coetanei che hanno ripreso il “gioco” con un telefonino. Zigomo fratturato e operazione necessaria.

Colpito da uno sconosciuto con un pugno in pieno volto che gli ha provocato la frattura dello
zigomo, il tutto – secondo quanto ricostruito – per quello che sarebbe un ‘gioco’, denominato ‘ko game’ (‘knockout game’), con l’intera azione ripresa da uno smartphone.

È quanto accaduto sabato sera a Carpi, in provincia di Modena. Vittima un 24enne che, uscito da un locale del centro, verso le 23 stava raggiungendo la sua auto parcheggiata per fare ritorno a casa. Nel tragitto è stato raggiunto da un gruppo di ventenni, uno di loro lo avrebbe colpito all’improvviso mentre un altro riprendeva con il telefonino. All’ospedale il personale sanitario ha poi riscontrato la frattura. Il giovane dovrà essere sottoposto a un intervento chirurgico.

Quello del Ko Game torna così alla ribalta dopo qualche anno di pausa. In Italia i primi casi si sono verificati in provincia di Venezia quando nel 2014 un ragazzino di appena 13 anni fu aggredito sotto gli occhi del padre davanti ad una pizzeria.

Nessuna provocazione, nessuna spiegazione, solo un pugno in pieno volto senza nessun motivo: è questa la “regola” principe di quello che dovrebbe essere un gioco ma che invece si trasforma in un atto di violenza inaudita che può avere conseguenze anche molto gravi. Un “fenomeno” che arriva direttamente dagli Stati Uniti e che ormai è diventato popolare anche nel nostro Paese.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Wake Up Italia, 15 leader dell'economia per far ripartire l'Italia

Next Article

Immissioni in ruolo docenti 2021, 112mila posti liberi dopo la mobilità

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".