“Psicologia accoglie immigrati terroni”: polemiche e denunce

terroni

Denunciato ai carabinieri l’amministratore della pagina Facebook “Psicologia a Chieti ancora a numero aperto per accogliere immigrati terroni”.

I Rappresentanti di Azione Universitaria, Nicola D’Ambrosio, Andrea Rossi e Michele Catalano, hanno raccolto le lamentele di molti studenti e hanno deciso di segnalare il fatto alle autorità.

“Tale pagina ha contrariato moltissimi studenti, visto che in molti veniamo dal Meridione e ci sentiamo toccati in primis”, si legge nel verbale.

Già in passato c’eravamo occupati della vicenda, ascoltando il commento proprio di Martina, una studentessa napoletana iscritta all’Ateneo di Chieti. “Senza tutti i ragazzi meridionali e gli studenti fuori sede – aveva commentato – molti corsi non avrebbero modo di esistere, e lo stesso villaggio universitario non ci sarebbe, senza scordare tutti quegli studenti che incrementano in modo sostanziale la loro economia. C’è solo da farsi una grassa risata e sperare che un giorno qualche buon’anima gli faccia una lezione di storia e geografia”.

La pagina dello studente di Psicologia è stata chiusa, ma ora dovranno essere le autorità giudiziarie a stabilire se ci siano gli estremi per il reato di diffamazione.

Sulla bacheca della pagina Facebook, si è consumato uno scontro tra studenti: i fuori sede hanno accusato gli abruzzesi di non aver saputo riconoscere la ricchezza offerta loro dai meridionali.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Salento: tagli agli stipendi dei madrelingua

Next Article

Filma le sue piante di marjuana e perde il cellulare: arrestato

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.