“Psicologia accoglie immigrati terroni”: polemiche e denunce

terroni

Denunciato ai carabinieri l’amministratore della pagina Facebook “Psicologia a Chieti ancora a numero aperto per accogliere immigrati terroni”.

I Rappresentanti di Azione Universitaria, Nicola D’Ambrosio, Andrea Rossi e Michele Catalano, hanno raccolto le lamentele di molti studenti e hanno deciso di segnalare il fatto alle autorità.

“Tale pagina ha contrariato moltissimi studenti, visto che in molti veniamo dal Meridione e ci sentiamo toccati in primis”, si legge nel verbale.

Già in passato c’eravamo occupati della vicenda, ascoltando il commento proprio di Martina, una studentessa napoletana iscritta all’Ateneo di Chieti. “Senza tutti i ragazzi meridionali e gli studenti fuori sede – aveva commentato – molti corsi non avrebbero modo di esistere, e lo stesso villaggio universitario non ci sarebbe, senza scordare tutti quegli studenti che incrementano in modo sostanziale la loro economia. C’è solo da farsi una grassa risata e sperare che un giorno qualche buon’anima gli faccia una lezione di storia e geografia”.

La pagina dello studente di Psicologia è stata chiusa, ma ora dovranno essere le autorità giudiziarie a stabilire se ci siano gli estremi per il reato di diffamazione.

Sulla bacheca della pagina Facebook, si è consumato uno scontro tra studenti: i fuori sede hanno accusato gli abruzzesi di non aver saputo riconoscere la ricchezza offerta loro dai meridionali.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Salento: tagli agli stipendi dei madrelingua

Next Article

Filma le sue piante di marjuana e perde il cellulare: arrestato

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"