Salento: tagli agli stipendi dei madrelingua

università del salento

L’Università del Salento ha deciso di tagliare gli stipendi agli insegnanti madrelingua.

Critiche anche dai giornali britannici The Times e Daily Telegraph. Colpiti dal provvedimento, ben 50 docenti. Ieri, un centinaio di studenti hanno manifestato di fronte al rettorato di Piazza Tancredi.

Secondo la delibera comunicata dal Rettore Domenico Laforgia, “un terzo dello stipendio, relativo alla contrattazione integrativa, viene legato alla premialità oggetto di valutazione da parte di un docente e del Centro linguistico d’Ateneo. La decisione, che determina cambiamenti già nella busta paga di marzo, ha un valore temporaneo di quattro mesi, auspicando la prosecuzione della trattativa sindacale”.

Hanno deciso di colpire il personale straniero perché evidentemente più vulnerabile e con meno tutele”, ha dichiarato il presidente dell’Associazione Lettori e CEL, David Petrie.
A criticare la scelta, anche il ministro per l’Europa, David Lidington, che lo ha definito un comportamento “illegale e moralmente sbagliato”.

La Corte Europea di Giustizia è intervenuta svariate volte, in passato, contro la decisione degli atenei di tagliare gli stipendi a lettori e collaboratori linguistici.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il matematico che vuole prevedere il futuro

Next Article

"Psicologia accoglie immigrati terroni": polemiche e denunce

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.