Prosegue il ciclo “Il disagio minorile a Napoli”

L’approccio multidisciplinare nasce dalla necessità di rispondere a un bisogno complessivo del minore: il pieno e sereno sviluppo della sua persona.

Il 26 aprile 2012 si è svolta a Napoli alla facoltà di giurisprudenza della Federico II la sesta giornata seminariale sul tema “Il disagio minorile a Napoli: bisogni, regole e valori. Istituzioni e formazioni sociali a confronto”.

La giornata seminariale si è articolata in due sessioni.
La sessione mattutina – “Il minore e le nuove forme di comunicazione” – si è aperta con i saluti del Professore Lucio De Giovanni, Preside della facoltà, dell’Avvocato Francesco Caia, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Napoli e di Gerarda Molinaro, Presidente dell’Ordine degli Assistenti sociali della Campania. I lavori saranno introdotti e coordinati dai docenti Massimo Villone e Giovanna De Minico.

Dalle ore 10:00 le relazioni della Professoressa Giovanna De Minico, Docente di Diritto Costituzionale, della Professoressa Agata Piromallo Gambardella, Docente di Teoria e Tecniche della comunicazione di massa, del Professore Massimo De Santo, Docente di Reti di calcolatori, del Dottore Nicola D’Angelo, Commissario dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e del Dottore Domenico Vulpiani, Dirigente generale della Polizia di Stato.

L’approccio multidisciplinare nasce dalla necessità di rispondere a un bisogno complessivo del minore: il pieno e sereno sviluppo della sua persona. La Costituzione italiana e gli atti normativi sovranazionali riservano a questa esigenza una protezione rafforzata pur nel confronto con gli altri valori; tale favor non ha però trovato attuazione nella regolazione inferiore, che invece ha affidato all’incontrollata evoluzione tecnologica e alla convergenza di mezzi di comunicazione la concreta difesa del minore. L’incontro si pone in chiave propositiva e guarda ai rimedi possibili per restituire effettività al precetto costituzionale vanificato da una prassi disubbidiente ai valori fondamentali.

La sessione pomeridiana – “Il minore e le regole comportamentali” – prenderà avvio alle ore 15:00 con l’introduzione del Professore Angelo Puglisi e proseguirà con le relazioni del Professore Antonio Iannaccone, Université de Neuchâtel, di Geppino Fiorenza, Referente regionale di “Libera Associazioni, Nomi e numeri contro le mafie”, di Margherita Dini Ciacci, Presidente del Comitato Unicef Campania, di Matilde Spiniello, Ordine degli Assistenti sociali della Campania e Angelica Viola, Referente dell’area educativa della Cooperativa sociale “L’Orsa Maggiore”. A ulteriore testimonianza della rilevanza dell’azione dei cittadini e delle associazioni operanti sul territorio campano interverranno anche Andrea Rullo, Francesca Russo e Raffaella Perna della Fondazione “A voce d’ ‘e creature”.

Concluderanno le sessioni mattutina e pomeridiana rispettivamente il Professore Massimo Villone, Docente di Diritto Costituzionale e il Professore Angelo Abignente, Docente di Filosofia del diritto.
L’incontro ha ricevuto i patrocini dell’Unicef – Comitato Regionale Campania, del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli, dell’Ordine Assistenti sociali della Campania e della Fondazione Paolo Guglielmetti.

fonte: unina.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur, carta igienica contro l'abolizione della laurea

Next Article

Abilitazione ricercatori, il bando prima dell’estate

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.