Proposte, risposte, temi: la #labuonascuola arriva allo Yif

#labuonascuola

 

Studenti, docenti, genitori, esperti e addetti ai lavori. Lo Young International Forum chiederà direttamente a loro cosa pensano del rapporto su “La buona scuola” attraverso un incontro/ confronto che si terrà il 14 ottobre in apertura della tre giorni. Ogni rappresentante sarà invitato a portare la sua proposta e a sottolineare i punti positivi e negativi della riforma lanciata da Matteo Renzi e dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. La consultazione pubblica – che intanto ha già raccolto 469 proposte totali, 656 risposte e più di 6mila mi piace (dati aggiornati al 2 ottobre) –  potrà così avvalersi del parere di tutti, esperti e genitori compresi.

All’incontro/confronto su #labuonascuola allo YIF parteciperà Antonio Cocozza, direttore scientifico della Fondazione Italia Orienta, Francesco Greco, presidente dell’Associazione Nazionale Docenti, il portavoce nazionale di Rete Studenti MediFabrizio Azzolini, presidente Associazione Italiana Genitori, Paolino Marotta presidente Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici, Dino Mengucci, fondatore della Cooperativa “La Buona Terra”, ideatore del centro di educazione ambientale Panta Rei e una delegazione di Cittadinanza Attiva. Concluderà i lavori Alessandro Fusacchia, Capo Gabinetto del MIUR.

 

I 12 punti per una buona scuola

  • STOP AI PRECARI. Un piano straordinario per assumere 150 mila docenti a settembre 2015 e chiudere le graduatorie ad esaurimento.

 

  • DAL 2016 SI ENTRA SOLO PER CONCORSO. Mai più liste d’attesa. Quarantamila giovani qualificati dovrebbero trovare posto nella scuola fra il 2016 e il 2019 e l’unico canale sarà il “concorso”.

 

  • BASTA SUPPLENZE. Previsto un team stabile di docenti per coprire cattedre vacanti, tempo pieno e supplenze, dando agli studenti la continuità didattica a cui hanno diritto.

 

  • QUALITA’, VALUTAZIONE E MERITO. Ogni tre anni, gli insegnanti che matureranno crediti sufficienti avranno in busta paga 60 euro netti al mese in più. Dal 2015 ogni scuola pubblicherà il proprio Rapporto di Autovalutazione e un progetto di miglioramento.

 

  • FORMAZIONE E INNOVAZIONE. Docenti al centro di una formazione continua obbligatoria per valorizzare i nuovi don Milani, Montessori e Malaguzzi”.

 

  • PIÙ TRASPARENZA: Online dal 2015 i dati di ogni scuola e un registro nazionale dei docenti per aiutare i presidi a migliorare la propria squadra.

 

  • SBLOCCA SCUOLA. Presidi, docenti, amministrativi e studenti segnaleranno le 100 procedure burocratiche più gravose per la scuola.

 

  • SCUOLA DIGITALE. Piani di co-investimento per  portare a tutte le scuole una connessione veloce e senza fili, comprese le sedi decentrate.

 

  • MATERIE CREATIVE. Portare musica e sport nella scuola primaria e la storia dell’arte in quella secondaria.

 

  • NUOVE  ALFABETIZZAZIONI. Rafforzamento del piano formativo per le lingue straniere a partire dai 6 anni.  l’insegnamento di nuove competenze digitali. Diffusione dello studio dei principi dell’Economia in tutte le secondarie.

 

  • ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO.  Sarà obbligatoria negli ultimi tre anni degli istituti tecnici e professionali per almeno 200 ore l’anno.

 

  • SCUOLE PER TUTTI. Stabilizzare il Fondo per il Miglioramento dell’Offerta Formativa (MOF),  rendendone trasparente l’utilizzo, e attrarre risorse private attraverso incentivi fiscali e semplificazioni burocratiche.

 

Come funziona la discussione online

Ogni spazio di discussione ha un coordinatore, un gruppo di lavoro e una data di consegna: il 15 novembre. Ecco i consigli del MIUR

Come posso partecipare?

– Contribuisci al dibattito online segnalando la tua idea, proposta, sperimentazione in corso e progetti collegati all’obiettivo oppure commentando e votando quelle già presenti;

– Unisciti alla redazione dei documenti del gruppo;

– Puoi scrivere al coordinatore e candidarti a partecipare al gruppo di lavoro.

Posso proporre un progetto?

Sì. Descrivi con chiarezza l’obiettivo, i soggetti che potrebbero essere interessati a collaborare e cosa sarà prodotto entro il 15 novembre. I temi principali sono 8: Sblocca Scuola, Laboratori palestre d’innovazione, Programma Digital Makers, Storia dell’arte 2.0, Ogni scuola connessa, Meno costi per le famiglie, Servizio civile per la buona scuola, Manuale delle scuole aperte.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dai cavalieri del lavoro progetti di sviluppo su innovazione e formazione

Next Article

Maker Faire Rome, le dirette con i protagonisti della rivoluzione digitale

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.