Programma Erasmus+: 25 stage in Inghilterra con pocket money da 1.200 euro per neodiplomati

Magnifying glass over a map of United Kingdom

Opportunità di stage nel Regno Unito per 25 giovani campani: Glocal s.r.l. ha aperto il bando per il conferimento di 22 borse nell’ambito del Programma Erasmus Plus Ambito VET.
Il progetto“G.L.O.C.A.L. – Grant for Learning Opportunities in european Countries Aimed at promoting Local development” mira a promuovere un modello di formazione on the job che parta dalla base empirica dei fabbisogni formativi del tessuto produttivo locale e a coinvolgere diverse tipologie di attori, per la creazione di un network sia locale che internazionale, percreare sinergie di sviluppo e di competitività, per creare nuovi rapporti commerciali internazionali e permigliorare quelli già esistenti, con positive ricadute sull’intera collettività territoriale in termini di incremento dei tassi occupazionali.
Possono presentare domanda i diplomati che abbiano compiuto il 18° anno di età; siano in possesso della cittadinanza italiana; siano residenti nella Regione Campania; siano in pieno possesso dei diritti civili e politici; godano dello status di inoccupati/disoccupati; abbiano una buona conoscenza della lingua Inglese; si siano diplomati nell’anno scolastico 2014-2015 e abbiano conseguito un diploma attinente ad uno dei seguenti settori: Turistico, Agrario e agroturistico-alimentare, tecnico industriale (settore automotive, meccanico, aerospazio), organizzazione del lavoro, amministrazione, finanza e marketing, gestione risorse umane, progettazione software, ICT, automazioni industriali e robotica.
Ai candidati selezionati, Glocal srl garantisce: amministrazione e gestione del progetto; individuazione del tirocinio e dell’organizzazione ospitante, sulla base del profilo del candidato, compatibilmente con i settori di tirocinio previsti; preparazione linguistica, culturale e pedagogica dei tirocinanti da effettuarsi prima della partenza;  copertura assicurativa (responsabilità civile e infortuni sul lavoro) per tutta la durata del soggiorno all’estero; alloggio; pocket money, pari ad euro 1.200;  tutoraggio e monitoraggio professionale, logistico e organizzativo per tutta la durata del soggiorno all’estero; rilascio certificazione e attestati.
Gli stage avranno durata trimestrale e saranno attivati nel periodo compreso tra giugno e settembre. La scadenza per presentare domanda è fissata al 31 marzo. Per maggiori informazioni scaricate il bando del progetto oppure scrivete all’indirizzo mail:[email protected] o telefonate allo 0828 1994423.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 08 marzo

Next Article

In Italia l'82 % degli insegnanti è donna: "Ma con sempre meno diritti"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.