Progetto Soul: aumentano gli occupati tra i giovani

Otto Università (Sapienza, Tor Vergata, Roma TRE, IUSM, LUMSA, Accademia belle Arti e le Università di Cassino e della Tuscia) interfacciate ad oltre 6.000 aziende con l’obiettivo di incrociare  domande e offerte professionali. I candidati caricano uno o più curriculum all’interno del proprio profilo e possono così candidarsi alle molteplici offerte che giornalmente popolano la vetrina, suddivisa in proposte di tirocini convenzionati o di lavoro sotto forma di stage, apprendistato e altre tipologie.

L’aspettativa è quella di proporre i laureati più qualificati per ciascuna proposta di lavoro disponibile: un software li smista alle aziende secondo le specifiche caratteristiche, tracciando inoltre, ad uso del candidato, un indice di prossimità per l’offerta (ciascuna certificata e controllata) presente al momento sul sistema. “Le aziende – commenta Pietro Lucisano, responsabile del Progetto – devono essere più ambiziose e scegliere il meglio che c’è piuttosto che affidarsi alle conoscenze”.

Sono 90.000 i laureati che si sono affidati a questo servizio di placement di cui quasi il 7% ha trovato impiego grazie al sistema SOUL. Le figure professionali maggiormente richieste sono laureati, laureandi o studenti di economia, ingegneria, chimica, ma numerose sono le proposte (mediamente però meno retribuite) per studi umanistici.

Inoltre, quando il bacino di utenti è particolarmente ridotto, come nel caso di Università a numero chiuso, gli studenti hanno la possibilità di incontrare direttamente i responsabili delle aziende e di costruirsi una rete di relazioni basate sulla conoscenza personale.

 

Fonti:

Tg2

https://www.jobsoul.it

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Microsoft seleziona personale. Come rispondere alle domande più frequenti

Next Article

Parte oggi il Festival della Scienza a Genova

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.