Progetto Soul: aumentano gli occupati tra i giovani

Otto Università (Sapienza, Tor Vergata, Roma TRE, IUSM, LUMSA, Accademia belle Arti e le Università di Cassino e della Tuscia) interfacciate ad oltre 6.000 aziende con l’obiettivo di incrociare  domande e offerte professionali. I candidati caricano uno o più curriculum all’interno del proprio profilo e possono così candidarsi alle molteplici offerte che giornalmente popolano la vetrina, suddivisa in proposte di tirocini convenzionati o di lavoro sotto forma di stage, apprendistato e altre tipologie.

L’aspettativa è quella di proporre i laureati più qualificati per ciascuna proposta di lavoro disponibile: un software li smista alle aziende secondo le specifiche caratteristiche, tracciando inoltre, ad uso del candidato, un indice di prossimità per l’offerta (ciascuna certificata e controllata) presente al momento sul sistema. “Le aziende – commenta Pietro Lucisano, responsabile del Progetto – devono essere più ambiziose e scegliere il meglio che c’è piuttosto che affidarsi alle conoscenze”.

Sono 90.000 i laureati che si sono affidati a questo servizio di placement di cui quasi il 7% ha trovato impiego grazie al sistema SOUL. Le figure professionali maggiormente richieste sono laureati, laureandi o studenti di economia, ingegneria, chimica, ma numerose sono le proposte (mediamente però meno retribuite) per studi umanistici.

Inoltre, quando il bacino di utenti è particolarmente ridotto, come nel caso di Università a numero chiuso, gli studenti hanno la possibilità di incontrare direttamente i responsabili delle aziende e di costruirsi una rete di relazioni basate sulla conoscenza personale.

 

Fonti:

Tg2

https://www.jobsoul.it

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Microsoft seleziona personale. Come rispondere alle domande più frequenti

Next Article

Parte oggi il Festival della Scienza a Genova

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.