Progetti contro la deforestazione, al via il concorso a premi

Do the right thing, save the forests!” è il nuovo concorso a premi pensato per diffondere prodotti originali di comunicazione sociale, realizzati dai giovani allo scopo di promuovere la gestione sostenibile delle foreste e l`uso responsabile dei prodotti da esse derivati. Il concorso, a partecipazione gratuita e aperto a classi o gruppi di studenti delle scuole secondarie di Italia, Spagna, Romania, Polonia e Malta, è promosso dalle ong italiane Cisv, Cospe e Gvc assieme alle associazioni ambientaliste Kopin di Malta, Acsur Las Segovias in Spagna, Polish Green Network in Polonia, Alma-Ro, Terra Mileniul III e Rhododendron in Romania.

I lavori potranno essere realizzati impiegando un mezzo a scelta tra comunicazione grafica, fotografica, video e web 2.0 (blog, sito, social network) o con un mix di più tipologie, e potranno riguardare uno dei seguenti temi: foreste bene comune dell`umanità; diritti delle popolazioni indigene che vivono nelle foreste primarie; tutela della biodiversità; lotta alla deforestazione e al cambiamento climatico; lotta al taglio e commercio illegale di legname; consumo critico di prodotti forestali (carta, legno); foreste e sviluppo sostenibile. I lavori saranno giudicati da una giuria esterna formata da esperti della comunicazione sociale.

Le produzioni più originali e significative, una per ogni Paese partecipante, saranno premiate con 500 euro: i promotori del concorso suggeriscono di impiegarli per implementare attività o progetti utili ad aumentare la sostenibilità all`interno della scuola, ad es. riforestazione, acquisto di prodotti certificati (carta, legno) ecc. La scadenza per la consegna dei lavori è il 15 aprile 2013. La proclamazione dei vincitori avverrà entro il 30 maggio 2013, con comunicazione a tutte le scuole partecipanti e la pubblicazione sul sito: www.forestintheworld.org

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Perdonare fa bene al cuore

Next Article

Il sonno è il principale problema di una missione su Marte

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident